WWE, Kayla Braxton disattiva il suo account Twitter: ecco i motivi



by   |  LETTURE 689

WWE, Kayla Braxton disattiva il suo account Twitter: ecco i motivi

Il mondo del wrestling è stato colpito duramente dalla Pandemia e dall'ormai noto virus come Covid-19 che ha condizionato le vite di tutti noi ed allo stesso tempo anche di tutti coloro che fanno parte della WWE.

È di pochissimi giorni fa la notizia della positività al virus del WWE Champion Drew McIntyre, ennesima prova che il virus possa distruggere in pochi secondi, grazie all'esito di un tampone, tutti i piani di Vince McMahon e della sua compagnia.

Un personaggio della federazione che è stato profondamente segnato dal Covid-19 è la nota intervistatrice Kayla Braxton, che, nello scorso anno è stata contagiata per ben due volte da questo maledetto virus.

Con precisione la conduttrice di Talking Smack è risultata positiva per la prima volta agli inizi del 2020 e poi in secondo luogo nel mese di Giugno. La conduttrice ha tenuto a precisare questa cosa per confermare quanto tanti di noi sanno, ma che spesso ignorano: il Covid-19 può tornare, una persona dopo esser rimasta contagiata una volta può riprendere nuovamente questo virus.

Kayla Braxton disattiva il suo account Twitter

Già in passato Kayla Braxton lamentò diversi insulti da account Fake sui social che le auguravano le peggior cose possibili ed ancora una volta la donna è stata colpita dai cosiddetti 'haters'

Questa volta la Braxton ha deciso di non restare ferma ma ha ufficialmente disattivato il suo account Twitter.

La donna ha disattivato il suo profilo dopo aver ricevuto diverse molestie social da persone che le auguravano ogni male.

Il tweet è stato cancellato ma ecco riportato le sue parole nello specifico:

"Mentre ero al lavoro stasera ho ricevuto una telefonata che mi avvisava che qualcuno molto vicino a me era deceduto di Covid-19.

Questa sera accedendo a Twitter ho notato diversi tweet davvero disgustosi che mi taggavano scherzando e facendo battute riguardo al virus che ho avuto ad inizio anno scorso. *******"