Jim Ross: "L'eredità di Triple H non risiede nei grandi match che ha disputato"



by   |  LETTURE 692

Jim Ross: "L'eredità di Triple H non risiede nei grandi match che ha disputato"

Triple H si è progressivamente allontanato dal ring negli ultimi anni, dedicandosi sempre di più al suo ruolo dirigenziale e alla promozione della WWE al di fuori dei confini statunitensi. The Game è anche il principale artefice dell’ascesa di NXT, che ha saputo ritagliarsi uno spazio importante nonostante la maggiore popolarità di Raw e SmackDown.

Attraverso lo show giallo in onda su USA Network, numerosi giovani talenti hanno avuto la possibilità di farsi notare e acquisire la giusta dose di esperienza prima dell’approdo nel main roster. Nel corso dell’ultima edizione del podcast ‘Grilling JR’, Jim Ross ha elogiato il lavoro effettuato da HHH dietro le quinte, asserendo che potrebbe rappresentare il lascito più importante del 14 volte campione del mondo.

JR: "Triple H è stato fantastico con NXT"

“Ragionando sul lungo periodo – i match vanno e vengono – e non si può negare che il suo contributo come superstar sia stato davvero ammirevole.

Tuttavia, sono del parere che la sua eredità potrebbe essere simile alla mia. Credo che il mio lascito principale non risieda tanto nella mia attività di commentatore, quanto piuttosto nel mio lavoro per la costruzione del roster WWE.

Penso che Triple H sia stato eccezionale nel far diventare NXT il terzo marchio nonostante la concorrenza esistente all’interno della WWE. Questa è la mia prospettiva da ex membro della federazione” – ha spiegato il WWE Hall of Famer.

Finn Balor, uno degli uomini di punta di NXT, ha recentemente analizzato il suo rapporto con Triple H e Shawn Michaels. “Mi sento fortunato ad essere riuscito a lavorare con alcuni dei miei idoli in questo business. Ho interagito a stretto contatto con Triple H per molti anni e poi anche con Shawn.

Ho imparato così tanto da loro. È sempre speciale avere a che fare con ragazzi che idolatravi quando eri poco più di un bambino. Ora invece discuti con loro su quale sia la migliore direzione da prendere. Ecco perché mi sono sempre trovato bene a NXT”.