Jim Ross chiarisce: "Triple H era geloso di Chris Jericho in WWE"



by   |  LETTURE 1765

Jim Ross chiarisce: "Triple H era geloso di Chris Jericho in WWE"

L'ex commentatore WWE Jim Ross è tornato su una delle voci che è più volte tornata di moda e che ha incuriosito il WWE Universe. Tornando indietro di oltre un decennio possiamo ricordare quando il collega Bryan Alvarez riferì nel 2008 che Triple H fosse uno dei wrestler meno popolari all'interno della WWE.

Il suo distruggere Booker T a SummerSlam 2007 e la sua decisione di non riportare una leggenda del calibro di Ric Flair a Raw non fu particolarmente gradita ma il gesto che quasi nessuno gradi fu quello di annientare completamente le possibilità di ritorno di Chris Jericho nel backstage.

Nel corso del suo podcast Grilling JR, l'ex commentatore della federazione di Stamford Jim Ross riferì che in quel periodo Triple H fece apprezzamenti poco lusinghieri sul wrestler canadese e secondo Ross la verità era che Triple H era un po' geloso di Jericho.

Le parole di Jim Ross su Chris Jericho e Triple H

Ecco il commento di Jim Ross nel suo podcast:
"I fatti riguardanti Chris erano che lui era un wrestler pieno e carico di carisma ed in quel periodo per atriole H non era la stessa cosa.

The Game fece degli apprezzamenti poco lusinghieri sull'altezza di Jericho e qualcuno che ha la massima fiducia nelle proprie capacità non avrebbe mai fatto quel tipo di commenti"

Jim Ross ha aggiunto che in quel periodo Triple H aveva gran voce in capitolo, partecipava spesso alle riunioni della produzione della WWE e si rese davvero antipatico agli occhi di tutto il roster:
"Triple H fu davvero deplorevole, soprattutto quando parliamo di due wrestler del calibro di Chris Jericho e Booker T.

Parliamo di due leggende del wrestling e lui ebbe un comportamento davvero brutto nei loro riguardi"

Lo stesso Chris Jericho qualche mese fa confermò che Triple H aveva problemi con lui:
"Agli inizi degli anni 2000 io e Triple H non andavamo pazzi l'uno per l'altro, abbiamo messo su grandi match comunque e paradossalmente credo che una delle ragioni per cui abbiamo fatto grandi match era proprio questa"