The Worst For Business - Speciale Renee Young III: Grazie ai colleghi più stretti



by   |  LETTURE 954

The Worst For Business - Speciale Renee Young III: Grazie ai colleghi più stretti

Ringraziata la famiglia McMahon, Renee Young ha dunque indirizzato la sua lettera per ricordare tutti i suoi ormai ex colleghi del tavolo di commento, tra cui spiccano Michael Cole e Corey Graves, ma anche Daniel Bryan per Talking Smack ed il produttore Mike Mansury.

Traduzione integrale: i commentatori e Talking Smack

"Grazie a tutti quelli con cui ho lavorato per il commento. Non importa dove andrò o cosa farò d'ora in poi, so già che Michael Cole è il miglior capo che avrò mai.

Dovete davvero capire cosa ho passato con Michael. Quel primo episodio di Raw che ho chiamato, era proprio...voglio dire, è difficile da descrivere. Ci sono così tante cose in ballo. Sono tre ore. Ci sono queste pile di appunti.

Vuoi essere silenzioso, ma vuoi anche toglierti dai piedi. E vuoi anche rimanere nella tua corsia. Per me, come non lottatore, questo significava non concentrarsi tanto sull'analisi delle mosse. Ero lì per parlare dei personaggi e delle storie e cose del genere.

Quindi stai tenendo traccia di tutte queste cose. In più tutti questi segmenti stanno volando via, in ogni modo, promo, partite, promo in partite, partite in promo, chissà. E devo solo dire questo: hai davvero una sola possibilità di sopravvivenza.

Ed è quella di prendere per mano il tuo partner di trasmissione, tenerlo stretto, e sperare che non lo lascino andare. Con Michael Cole, non ho dovuto nemmeno sperare. Lo sapevo. Graves...amico. Non c'è niente da dire su Corey Graves se non che è stato il mio migliore amico.

Non solo abbiamo condiviso lo schermo insieme per così tanti momenti, ma è il tempo fuori dallo schermo che credo ci abbia davvero cementato come duo. Viaggiando tra le città, frequentando i bar degli hotel, scroccando sempre in giro alla ricerca dell'ultima birra o della bottiglia di vino che possiamo prendere per sederci e chiacchierare della vita.

La mia firma Graves Memory™ è probabilmente di Manchester: eravamo appena scesi dal più lungo viaggio in aereo, e poi un viaggio in autobus da ubriachi, e non appena siamo a destinazione, amico, è finita.

Sono a letto. Naturalmente questo non impedisce a Graves di chiamarmi nel cuore della notte, come se fosse super importante, con una richiesta molto urgente: posso prendere un taxi a 20 minuti dal mio per raggiungere il suo hotel in modo che possa riavere il suo altoparlante portatile??? Graves: "Ce l'hai dal viaggio in autobus, credo.

Ma mi serve adesso per far andare avanti la festa" (Sì, per la cronaca, gli ho portato il suo altoparlante. Vera amicizia.)"

Ecco poi i ringraziamenti a Talking Smack, in particolare a Daniel Bryan ed a quello che è il nome meno conosciuto al grande pubblico tra quelli citati in questa lettera, ovvero quello del produttore Mike Mansury.


"Grazie a Daniel Bryan e a tutti quelli coinvolti in Talking Smack. Di tutto quello che ho fatto nella WWE, questa è probabilmente la cosa che mi è piaciuta di più. Penso di aver sentito che era la cosa che mi piaceva di più, se questo ha un senso.

Come se finalmente avessi avuto la possibilità di fare qualcosa che si avvicinava alla "mia cosa" Potevo essere divertente, potevo essere impertinente, potevo essere un po' disordinata e un po' rude e reale e questo è sempre stato il mio modus operandi.

Il talento è essere se stessi in Talking Smack: c'era una sorta di atteggiamento da IDGAF (acronimo che sta per "I don't give a f***"), ma allo stesso tempo vedevi il lavoro. Ad esempio, alcuni dei lavori sui personaggi che i ragazzi hanno fatto nel nostro show erano semplicemente irreali.

E le persone sono andate oltre! La gente si è superata, in un modo davvero unico...per me è un dato di fatto. Dal lavoro con Miz e Bryan, ad Owens e Jericho, agli Usos, AJ, Naomi, Sami, persino alcuni dei talenti più verdi che hanno potuto usare il nostro show per andare là fuori e sbattere un po' le loro ali creative .

Onestamente sono così impressionata da ciò che abbiamo costruito lì, così contenta che lo stiano riportando indietro, e spero che duri un milione di stagioni. Un ringraziamento molto speciale a Mike Mansury, un produttore stellare (a cui avrei fatto produrre la mia vita, se avessi potuto) ed un amico stellare, ed a tutti gli altri dietro le quinte.

Questo va da sé, spero, ma dietro le quinte della WWE ci sono così tante persone di un assurdo talento, e tutti sono al 1000% essenziali per il prodotto che finisce sul vostro schermo. Mantengono la macchina in movimento, a prescindere dal tipo di umore in cui la macchina si trova.
E poi grazie a tutti gli altri con cui ho avuto modo di condividere un set o un palco o uno stand o un anello o una riunione di produzione o anche solo una buona conversazione vecchio stile in questi anni.

Probabilmente per me ha significato più di quanto non sappiate. Per gentile concessione di Renee Young"

Dopo tutto questo Renee, una delle prime vere donne di successo in tutto e per tutto nella WWE, ha deciso di parlare delle sue colleghe, con cui ha collaborato e soprattutto stretto amicizia negli anni.