WWE, AJ Styles ricorda il suo primo incontro: "Ecco come mi chiamavano"



by   |  LETTURE 1474

WWE, AJ Styles ricorda il suo primo incontro: "Ecco come mi chiamavano"

Il WWE Intercontinental Champion AJ Styles è sempre molto attivo sui social e risponde spesso alle domande dei fan durante le sue live streaming su Twitch. Rispondendo alle domande di un fan, The Phenomenal One ha parlato del suo primo incontro di wrestling in carriera.

AJ Styles ha rivelato come è stato lottare per la prima volta davanti al pubblico ed ha svelato inoltre che in quell'occasione indossò una maschera e si faceva chiamare Mr Olympia. Ecco le sue dichiarazioni: "Nel mio primo incontro era tutto fantastico per me.

Voglio dire, ero su un ring e fuori non c'erano tante persone. Però pensavo che già avere una folla fuori che mi guardava era fantastico. Scommetto che se guardassi ora quel match troverei diverse cose terribili.

Parliamo di un incontro di 21 anni fa, ma sono certo che è così. In quella contesa io indossavo una maschera e il mio nome era Mr Olympia. Ma stavo lottando ed ero felice di tutto questo"

La storia di AJ Styles e le ultime sul suo futuro

Nei primi anni 2000 AJ Styles ha brevemente lottato per la WCW e in seguito ha effettuato dei provini con la WWE.

Poi è entrato a fare parte di TNA Wrestling, dove si è fatto un nome ed ancora oggi viene riconosciuto come uno dei migliori del settore. Attualmente The Phenomenal One è impegnato in WWE, ma i suoi due grandi amici ed ex colleghi Luke Gallows e Karl Anderson hanno parlato di un ipotetico ritrovo dei The Good Brothers.

I due hanno rivelato che AJ Styles li ha chiamati per porgere loro i complimenti dopo la firma con Impact, e allo stesso tempo Karl Anderson ha parlato di una possibile riunione ad Impact: "Alla fine noi parleremo con AJ Styles per convincerlo a tornare ad Impact.

Anzi, questo è quello che facciamo ogni giorno, gli mandiamo un messaggio e gli diciamo di tornare a lavorare con noi. Metterci insieme ha fatto funzionare un sacco di cose, lui ci ha detto che è felice per noi, ma non penso volesse darci nessun consiglio su cosa dovremmo o non dovremmo fare"