Eric Bischoff parla di Vince McMahon e del suo ritorno in WWE nel 2019



by   |  LETTURE 1052

Eric Bischoff parla di Vince McMahon e del suo ritorno in WWE nel 2019

Nel corso del suo podcast '83 Weeks', Eric Bischoff ha parlato del suo ritorno in WWE nel 2019, uno degli episodi più importanti della sua carriera almeno per quanto riguarda gli ultimissimi anni. Questo ed altro nei punti principali dell'episodio suo podcast, ecco le sue dichiarazioni: "Quando io e Bruce Prichard abbiamo iniziato a parlare per la prima volta, mi sembra ad un evento Starrcast, lui mi accennò alla possibilità di un ritorno in WWE con qualche specifico ruolo.

Io subito pensai che era fantastica come cosa e lui mi disse che ne avrebbe parlato con Vince McMahon. In generale però ho un grande rapporto con Bruce e più che con Vince e la WWE, ero entusiasta di tornare a lavorare con lui"

Il passaggio dal Wyoming a Stamford? "Sapevo sicuramente che sarebbe stata una bella sfida, ma forse nemmeno io mi rendevo conto di quanto sarebbe stata grande. Ho minimizzato questa cosa, ero troppo eccitato dinanzi a questa tale possibilità.

Non avevamo discusso del ruolo specifico, ma mi ero predisposto ad accettare qualsiasi ruolo, senza aspettative. Tornando indietro penso che questo sia stato un errore e la mancata comunicazione tra noi è stato il problema principale.

La WWE era una macchina sofisticata, molto più di quello che pensavo, e devo dire che ho sottovalutato questa azienda"

Le parole di Eric Bischoff su Vince McMahon

Parlando poi di Vince McMahon, Bischoff ha riferito: "Non credo sia una sorpresa il fatto che Vince gestisca tutto.

Non c'è qualcuno o qualcosa che non derivi dall'impronta di Vince, ovviamente anche gli altri hanno un ruolo, ma è lui colui che prende tutte le decisioni più importanti" Se Vince McMahon ha perso il suo tocco? "È una risposta complessa, visto che il settore dell'intrattenimento sta cambiando giorno dopo giorno.

Ciò che ha realizzato Vince McMahon con la WWE è incredibile, storie di successo sorprendenti ed ogni sua formula ha fatto bene. Capisco ora che è difficile cambiare queste formule e nessuno riesce a comprendere come dovrebbe essere modificata la narrazione odierna.

La WWE incassa il 60% degli introiti dai diritti Tv e quindi deve adattarsi ai consumatori e ciò che chiedono gli inserzionisti. Ci sono cose che in WWE vorrebbero fare, ma non possono a causa di questo, e loro devono sottomettersi.

Se fallisci e commetti un errore, il tuo prodotto è finito. Quindi capirete che non me la sento di giudicare il loro lavoro, è davvero difficile"