Mick Foley ricorda il leggendario Hell in a Cell match contro The Undertaker



by   |  LETTURE 2348

Mick Foley ricorda il leggendario Hell in a Cell match contro The Undertaker

Mick Foley viene ricordato ancora oggi per il suo leggendario Hell in a Cell match come Mankind contro The Undertaker a King of the Ring nel 1998. Durante una lunga intervista a Inside The Ropes, il quattro volte campione del mondo ha palesato un certo nervosismo dettato dal fatto di essere noto soltanto per quell’unico incontro.

Foley ha infatti riscosso un grandissimo successo di pubblico anche grazie alla pubblicazione di quattro libri di storie per bambini, a cui si aggiunge una corposa autobiografia.

Foley: "Quel match è ancora un successo"

“Mi sono risentito per il fatto di essere stato etichettato in questo modo” – ha esordito Mick.

“Per circa 15 anni sono stato noto soltanto per quel match, quando mi sarebbe piaciuto essere conosciuto anche per altri aspetti. Quell’incontro è stato il frutto di un’incredibile dedizione per arrivare al traguardo con qualsiasi mezzo possibile.

Ricordo che mia moglie mi disse che i nostri figli avevano sentito parlare di quel match a scuola. Abbiano aspettato che tornassero a casa e ho riguardato la sfida nella sua interezza per la prima volta dopo molti anni. È ancora un successo” – ha aggiunto.

Lo stesso Undertaker dichiarò di essersi spaventato quando ha lanciato il suo avversario dalla cima della gabbia. Sebbene si trattasse di un segmento programmato, i rischi erano davvero enormi. “Sebbene fosse una sequenza pianificata, non era facile da attuare.

Per il corpo è pericoloso subire un urto del genere. Lui è atterrato in modo così funky. Non sapevo se si sarebbe alzato, quindi ho subito pensato che dovevo andare lì per controllare come stava” – ha ricordato il Deadman.

Il match in questione fu così elettrizzante da elevare il personaggio di Mick Foley e iniziare a costruire un’aura mitica intorno a The Undertaker. L’incontro è stato talmente apprezzato dai fan da essere stato selezionato come ‘il più grande Hell in a Cell match del decennio’ da numerosi siti di wrestling.