Rhea Ripley: "Lavorare con Shawn Michaels per me è pazzesco"



by   |  LETTURE 1056

Rhea Ripley: "Lavorare con Shawn Michaels per me è pazzesco"

Rhea Ripley in una recente intervista concessa al sito Wide World of Sports ha parlato di come e stato lavorare con molte leggende WWE in particolare Shawn Michaels, e di come era seguire la compagnia di Stamford da piccola.

Ecco le parole dell'ex NXT Champion: Sull'essere allenata da diverse leggende WWE: "Ci sono state diverse persone che mi hanno dato consigli, ed ora è davvero folle ripensarci. Avere gente come Triple H e Shawn Michaels al Performance Center è davvero pazzesco.

Tutte le persone che sono state attorno a me sono state grandi, sanno tante cose, e avergli pronti per me ed avermi passato la loro saggezza è stato pazzesco" Sull'aver lavorato assieme a Shawn Michaels: "Sono cresciuta guardandolo, quindi andare a lavorare e vederlo, chi può dire una cosa simile? Chi può dire di trovarsi al lavoro persone come Shawn Michaels e imparare da uno come lui.

Per me è stato pazzesco. Ricordo una volta che lui stava andando in giro, si diresse verso di me e mi disse che non dovevo ascoltarlo per forza perché era vecchio. E io gli dissi che non lo era, lui è Shawn Michaels e che era uno dei migliori e che lo avrei ascoltato"

Rhea Ripley e la WWE in Australia

Sul guardare da piccola la WWE in Australia: "Quando cresci nel Sud dell'Australia è difficile essere al contatto con il wrestling. Crescendo lì è stato difficile seguirlo.

Si poteva vedere durante i weekend oppure in orari stupidi come la mattina mentre io ero ad allenarmi. A meno che non avevi Foxtel (piattaforma televisiva offerta a pagamento destinata al suolo australiano), ed io non l'avevo, era difficile guardare il wrestling.

Alcuni amici di famiglia guardavano wrestling e sono stati loro a farmi appassionare, mostrandomi su YouTube alcuni video di Triple H e Ric Flair. All'epoca credevo che erano le cose migliori che avessi mai visto. Mi chiesi il perché non avevo mai visto cose del genere prima e come avrei potuto guardarne altre.

Poco dopo ho cominciato a guardarlo regolarmente e da lì mi sono innamorata della disciplina. Fu difficile con il tempo continuarlo a seguire perché molti compagni di scuola non capivano, non riuscivano a comprenderlo e quanto fosse importante per me.

Pensavano che fosse una cosa sciocca e per questo motivo prendevo parecchie prese in giro dai miei amici. Però al tempo stesso non mi importava perché ne ero innamorata. Credo che tutti hanno qualcosa che amano e per il quale la gente può prenderti in giro"