The Rock rivela: "Ecco cosa mi disse Hulk Hogan quando mi passò la torcia in WWE"


by   |  LETTURE 17213
The Rock rivela: "Ecco cosa mi disse Hulk Hogan quando mi passò la torcia in WWE"

Uno dei tanti match che hanno reso grande e storico il ppv di Wrestlemania, è stato quello che ha visto scontrarsi un un'atmosfera quasi surreale e da film, due dei più grandi wrestler della storia della WWE e del pro-wrestling in generale, nel famoso incontro di Wrestlemania X8 rinominato per l'occasione "Icon vs Icon", stiamo parlando ovviamente dell'Immortale della WWE Hulk Hogan e del leggendario Dwayne "The Rock" Johnson, che nell'edizione numero 18 dello Showcase of the Immortals misero in piedi un match fantastico che ancora oggi fa sognare tutti i fan del WWE Universe del mondo.

Durante tale contesa, il leggendario Hulk Hogan riuscì così a "passare la torcia", come si suol dire in questi casi, al più giovane Rocky, il quale avrebbe dovuto portare avanti il testimone del pro-wrestling come volto principale della compagnia dell'epoca, anche se qualche anno più tardi si assentò quasi in maniera completa dai ring dei McMahon, per intraprendere una carriera nel mondo del cinema che è stata decisamente fruttuosa per lui e per noi usufruitori.
Dopo la celebrazione di quel momento nell'anniversario da poco passato da parte di Hulk Hogan sul suo account Facebook, anche The Rock è tornato a parlare di quello storico match, nella sua ultima intervista live rilasciata sui social, per via della pandemia da COVID-19 che ha colpito l'intero pianeta, con il famoso attore di Hollywood che ha rivelato:

"Quando tornammo nel backstage, diedi ad Hogan il più grande e forte abbraccio che potevo, ringraziandolo per avermi passato la torcia e lui mi disse 'Te lo sei meritato, fratello, portala con onore', o qualcosa del genere ed era proprio tipo 'Come Andrè la passò a me, quella torcia'

E tutti quanti vennero da noi e ci diedero abbracci e ci dissero che era stato incredibile"

Uno dei cosiddetti "Wrestlemania Moment" che rimarranno negli anni a venire, come monito di quello che sono stati e che sono ancora due dei più grandi intrattenitori della storia del pro-wrestling mondiale.