WWE, Vickie Guerrero: "Non mi perdonerò mai di non aver risposto ad Eddie"


by   |  LETTURE 13163
WWE, Vickie Guerrero: "Non mi perdonerò mai di non aver risposto ad Eddie"

La pagina più triste della storia del mondo del pro-wrestling nel 2005 (e non solo) è stata sicuramente quella scritta dal leggendario Eddie Guerrero, il quale ha segnato in maniera indelebile la vita di molti fan, parenti, colleghi e amici che sono rimasti scossi e tuttora sentono una vena di grande impotenza e tristezza a ripensare a quanto accaduto quella tristemente nota mattina del 13 di Novembre, quando Eddie lasciò il mondo completamente attonito e ammutolito dopo essere venuto a conoscenza della sua morte.

La donna che indubbiamente ha subito il contraccolpo più grande insieme alle sue figlie è stata sicuramente la donna che Eddie ha avuto al suo fianco in tutti i momenti più belli ma anche i brutti che la vita gli ha messo di fronte, l'ex GM della WWE Vickie Guerrero.
Nonostante Vickie sia dotata di una grandissima forza d'animo e di volontà, in molte interviste ha dichiarato di sentire ancora oggi un grandissimo vuoto dentro dalla morte del marito, che nonostante i grandi problemi avuti nella carriera e nella vita privata aveva comunque impreziosito la sua esistenza, regalandole anche due delle gioie più belle che avrebbe mai immaginato, le loro due figlie.
Nel suo ultimo intervento ai microfoni della trasmissione dell'amico fraterno di Eddie, Chris Jericho, ovvero il suo podcast privato, il Talk is Jericho, famoso programma radiofonico del campione assoluto della AEW, Vickie ha così parlato del grando rimorso che porta ancora oggi dentro di sè per non essere riuscita a rispondere a quella telefonata che solo dopo avrebbe saputo sarebbe stata l'ultima della vita del marito, dicendo:

"Per non so quale ragione, quella mattina, era rimasto con noi un po' più del solito.

Dopo il fatto, dopo che ci ha lasciati, eravamo tipo 'oh mio Dio, sembrava se lo sentisse che stava per accadere?' Un'altra cosa strana di quella mattina. Ricevetti una telefonata alle 5:30 del mattino ed era Eddie, ma solitamente lui mi chiamava e poi aspettava che lo richiamassi io quando mi sarei svegliata.

E per qualche ragione, sentii la telefonata ma mi dissi 'no, lo richiamerò poi io quando mi sarò alzata' Tutt'oggi mi odio ogni giorno per non aver risposto a quella telefonata, perchè magari rispondendo avrei potuto sentirlo da lui.

E questa è una cosa che non potrò mai sapere. Non sai mai cosa Dio ha in serbo per te per quel giorno."