Big Show: "Al mio debutto in WWE Undertaker mi ha insegnato molte lezioni"


by   |  LETTURE 8163
Big Show: "Al mio debutto in WWE Undertaker mi ha insegnato molte lezioni"

Nella sua ultima intervista rilasciata alla famosa testata Sports Illustrated, il leggendario atleta della WCW e della WWE, Big Show, si è soffermato a parlare del suo debutto in WWE e di come sia stato difficile passare dai ring dei Turner a quelli dei McMahon, soprattutto per colpa dell'aria che si respirava in tutti e due i backstage, che secondo Show era nettamente differente.

In merito alle difficoltà riscontrate dal gigantesco atleta nel suo passaggio in WWE, Show ha detto:

"Era parecchio differente in WCW, dove avevano tutti contratti garantiti. In WWE c'erano solo squali che si mangiavano tra loro, era competitiva.

Non era lo spogliatoio dove tutti andavano al Chipotle insieme dopo lo show. Le persone non si piacevano l'una con l'altra. Io ero molto giovane in WCW, avevo 22, 23 anni al mio esordio. L'unico altro atleta giovane era Alex Wright, invece Macho Man, Hulk, Flair, Paul Orndorff, avevano tutti più di 40 anni.

Era come se fossi il fratello più piccolo di tutti quanti. E feci un sacco di sbagli appunto per quello. Il mio vero allenamento arrivò quando cominciai a lavorare on Undertaker. "

In merito al difficile approccio iniziale col Deadman della WWE, Show ha infatti detto:

"Solitamente tornavo nella Gorilla Position dopo il match contro Undertaker nei live tour e Undertaker era lì che mi aspettava.

Stava lì ad aspettarmi con le dita puntate, mentre mi prendeva a calci nel c**o per i 15 minuti successivi.
Questo succedeva sera dopo sera. Sembrava io non facessi mai nulla di giusto sul ring, non importava cosa provassi a fare.

E c'è da dire che sono molto più duro di comprendonio di tanti altri, quindi ci ho messo un po' a capire, ma alla fine le lezioni che ho imparato da Undertaker mi hanno messo nella posizione di poter aiutare adesso un sacco di ragazzi a non fare gli stessi sbagli che facevo io da giovane. "