WWE, Undertaker: "Dopo il match con Lesnar non ricordavo più il mio nome"


by   |  LETTURE 30905
WWE, Undertaker: "Dopo il match con Lesnar non ricordavo più il mio nome"

Durante la lunga chiacchierata avuta con il collega e amico Stone Cold Steve Austin ai microfoni della trasmissione del Rattlesnake, Broken Skull Sessions, il Deadman della WWE si è soffermato a parlare anche della famosissima notte di Wrestlemania 30, dopo ormai più 5 anni dalla fine della sua storica streak di Wrestlemania, in un match massacrante che lo ha visto subire anche una grave commozione cerebrale, che lo ha portato a una perdita di memoria per qualche ora.

Memoria di quelle ore che nemmeno adesso è più tornata, in una notte di ospedale travagliata, in cui The Undertaker non ricordava nemmeno il suo nome o la data del suo compleanno. Ai microfoni di Austin, The Undertaker ha infatti detto:

"Penso che questa sia la domanda da un milione di dollari.

Credo che quello sarebbe stato il giusto momento per ritirarmi. La cosa che in molti non sanno è che nei primi cinque minuti di quel match ho subito una commozione cerebrale. Non la ricordo nemmeno quella notte. Voglio dire, l'ho rivista più e più volte quella serata in tv e ovviamente so come è andata.

L'ultimo ricordo che ho risale a circa le 3 e 30 del pomeriggio, quando mia moglie è venuta nel backstage e abbiamo avuto una conversazione. Questa è l'ultima cosa che mi ricordo di tutto quel giorno. A questo punto, in tutta la mia carriera, di solito comincio il processo di riscaldamento per essere pronto al match.

Dallo stretching alla visita dai dottori, tutto ciò che serve per essere pronto ad andare sul ring, è andato tutto perso. E quando parliamo di processo di riscaldamento parliamo di circa un'ora e mezzo, anche due, che sono letteralmente andate.

I miei ricordi tornano solo alle 4 e 30 del mattino dopo, dove mi ritrovo in ospedale e dove ci sono dottori e infermieri che vengono a controllarmi ogni 5 minuti, chiedendomi come mi chiamo ma non riuscendo a rispondergli.
Sono tornato indietro, sono tornato nella gorilla position e mi sono seduto e la cosa che ricordo subito dopo sono io in ospedale e i dottori e gli infermieri che mi chiedono 'Come ti chiami?' 'Quando sei nato?' 'Dove ti trovi?' e io non trovavo risposta a nessuna di queste domande.

L'unica cosa che ricordavo era il nome di mia moglie."

Decisamente una bruttissima nottata quella passata dal Deadman della WWE e dai suoi cari dopo il match avuto contro Brock Lesnar in quel di Wrestlemania 30, nel quale è stata pericolosamente messa a repentaglio la salute fisica e mentale del leggendario atleta WWE, che ne è però uscito illeso senza danni permanenti, per la felicità della sua famiglia e dei fan di tutto il mondo.