Trouble in Paradise - Speciale Paige IV: Grazie Zach, fratello mio


by   |  LETTURE 719
Trouble in Paradise - Speciale Paige IV: Grazie Zach, fratello mio

Benvenuti alla quarta parte dello speciale su Paige. Dopo aver rimesso in sesto la sua vita, Paige ha dovuto subire un'ulteriore ingiustizia: grazie alla WWE l'inglesina è riuscita a tornare in azione ed ha fatto il suo ritorno in TV con una nuova stable, l'Absolution; purtroppo, dopo neanche due mesi dal ritorno, un ulteriore infortunio al collo ha compromesso in modo permanente la sua carriera da wrestler, costringendola al ritiro a soli 26 anni.

“Ho combattuto per tutta la mia vita tra vari dolori, da quando ero giovane. Ho sofferto di questo brutto infortunio e mi sono dovuta sottoporre ad un’operazione nella quale mi hanno messo tre viti nel collo; poi sono tornata a lottare e pensavo di poter fare le stesse cose che facevo prima, ma ovviamente non era possibile e l’ho capito solamente dopo il fattaccio.

Quindi mi sono nuovamente infortunata al collo e mi sono dovuta ritirare per non rimanere paralizzata. Ma guardando agli aspetti positivi, la WWE ha voluto tenermi sotto contratto: mi dissero: “Ehi, ti vogliamo ancora qui, non ti lasceremo andare così facilmente”, perciò sono diventata General Manager, che è stato molto divertente, ed ora sono il manager di Asuka e Kairi Sane.

Mi sto divertendo in questo nuovo capitolo della mia vita”. Paige ha, quindi, trovato il modo di godersi la sua vita anche fuori dal ring. Per questo, ringrazia anche l'insegnamento del fratello, fonte di grande ispirazione, la cui storia è ben raccontata nel film Fighting With My Family.

"Anche la storia di mio fratello, che è incredibile, ci dice che non devi misurare i tuoi successi in base a quanto sei famoso o a quanti follower hai su Instagram o a quante persone vogliono fare una foto con te.

Il successo di mio fratello sta nell’essere riuscito ad insegnare a dei ragazzi disabili come fare wrestling, non è pazzesco? Voleva anche costruire una famiglia ed ora ha due figli ed una moglie, che è la ragazza che si vede nel film.

Ha fatto tante cose grandiose e non è famoso per questo, ma va bene. Questo è essere una persona di successo. Adoro pensare che molti ragazzi possano rispecchiarsi in lui e possano guardare la propria vita da un altro punto di vista, tipo: “Non devo essere una modella al Coachella, con 200k followers.

Posso essere come Zach, che ne ha 200 e si sta godendo la sua vita”. Le puntate precedenti:

  1. Speciale Paige: Ho perso i capelli per lo stress
  2. Speciale Paige: Una bambina mi ha salvato la vita
  3. Speciale Paige: L'aiuto della WWE