Clamoroso Bray Wyatt: già nel 2015 descrisse The Fiend ai fan WWE *VIDEO*


by   |  LETTURE 10387
Clamoroso Bray Wyatt: già nel 2015 descrisse The Fiend ai fan WWE *VIDEO*

Bray Wyatt aveva previsto tutto. O almeno, chi si occupa di scrivere il suo personaggio e i suoi promo l'ha fatto con una tale dovizia di particolari e precisione da aver in qualche modo chiuso un cerchio aperto quasi quattro anni fa, senza che nessuno se ne rendesse conto.

In queste ore l'attenzione di molti appassionati di Bray Wyatt è tornata su un vecchio video, mostrato dalla WWE in occasione della giornata di Halloween del 2015: ebbene, in questo promo l'allora leader della Wyatt Family sembra lasciarsi andare a uno dei suoi discorsi deliranti come tanti altri, ma che oggi potrebbe trovare un senso tutto nuovo.

L'Eater of Worlds racconta infatti di un incontro avuto molti anni prima con una strana entità, chiamata dalla sorella (che poi altri non è se non la defunta, compianta e misteriosa Sister Abigail) "The Man in the Woods", l'uomo dei boschi.

All'epoca, nell'indifferenza (quasi) generale, Bray raccontò di quest'incontro come di uno dei momenti cardine nel percorso che lo condusse alla follia: e oggi possiamo dire come questo misterioso uomo aveva esattamente l'aspetto che la WWE ha deciso di assegnare a The Fiend, l'alter ego malvagio portato sul ring dallo stesso Bray Wyatt.

Ecco la trascrizione integrale di ciò che disse Bray Wyatt in quel lontano 31 ottobre 2015: "Sono cresciuto nella Louisiana centro-meridionale. Abigail ha salvato me e i miei fratelli e sorelle. Ci ha portato in questa capanna in mezzo al nulla.

Era libertà, ma anche la più grande libertà ha un prezzo. Ci disse di stare attenti all'uomo dei boschi, perché è reale ed è il divoratore. Poi un giorno, io e i miei fratelli, prendiamo le nostre fionde e andiamo a caccia di conigli, come facevamo di solito.

E iniziamo a sentire qualcosa di strano" "All'inizio, ci siamo detti che era un orso. Con il passare del tempo, l'orso - o quello che pensavamo fosse un orso - ha iniziato a diventare sempre più rumoroso, e sembrava avvicinarsi.

Emetteva questi tristi ululati. I miei fratelli iniziarono a correre, io stesso devo ammettere per un secondo di aver avuto paura, ma ero soprattutto molto, molto curioso. Ho lasciato cadere la mia fionda e ho iniziato ad avvicinarmi sempre più al suono.

Mi sono avvicinato così tanto che ad un certo punto il suono ha iniziato a penetrarmi nelle orecchie e a farmi male" "E fu allora che lo vidi. Era alto circa 7 piedi e camminava dritto. Nessun pigmento nella sua pelle.

Era pallido come una perla. Aveva sottili capelli gialli che scendevano fino alle ginocchia, teneva con se un alligatore in una mano, e lo trascinava lungo la riva del fiume. Ho pregato, ho pregato che non mi vedesse e ho detto 'Abigail, per favore, perdonami.

Perdonami per non averti dato retta' Fu allora che mi guardò. I suoi occhi erano gialli come quelli di un gatto. Ancora una volta, rimasi congelato dalla paura. Fu proprio in quel momento che allungò la mano e nel mezzo c'era la mia fionda"

"Iniziai a correre veloce, il più velocemente possibile per quanto le gambe permettessero. Continuai a correre per quella che sembrava un'eternità. Alla fine, la capanna era tornata alla mia vista. Sono scattato attraverso la porta ed ero in preda al panico.

Filai dritto nella stanza di Abby e le dissi: 'Abby, mi dispiace tanto' Lei rispose: 'Piccolo Bray, cosa c'è che non va?' Dissi: 'L'ho visto. Ho visto l'uomo dei boschi. Pensavo fosse una bugia, ma tu hai detto la verità per tutto il tempo.

Mi dispiace così tanto' Lei disse: 'Piccolo, piccolo, piccolo... che cosa ti ha detto [l'uomo dei boschi, ndr]?' 'Che cosa?!?. Lui non mi ha detto niente. A dirla tutta, tutto ciò che ha fatto è stato guardarmi dritto negli occhi come se stesse guardando attraverso la mia anima.

E ha allungato una mano, Abby, e in mano c'era la mia fionda' Dentro, mi chiedevo perché Abby fosse così calma in quel momento. E a quel punto Abby parlò, e mi disse "Piccolo, non capisci, Bray? È anche la sua fionda.

L'uomo dei boschi sei tu'":