WWE Royal Rumble 2021: le nostre pagelle



by   |  LETTURE 3222

WWE Royal Rumble 2021: le nostre pagelle

Il primo PPV del 2021 è passato agli archivi e, come sua consuetudine, sta facendo parlare di sé. La Royal Rumble rappresenta uno degli eventi più entusiasmanti dell’anno e catapulta la WWE nel vivo della Road to WrestleMania.

I fan di tutto il mondo si stanno dividendo sulle questioni più spinose fuoriuscite da questo show ma oggi ci concentreremo sulla qualità degli incontri. Partiamo subito con le valutazioni dei match di Royal Rumble 2021.

Kickoff: WWE Women’s Tag Team Championship: Shayna Baszler & Nia Jax vs Asuka & Charlotte Flair:
All’ultimo secondo la WWE ha saggiamente deciso di spostare questo incontro nel Kickoff, dato che anche senza di esso il main show si è protratto per 3 ore e 50 minuti.

L’incontro è stato piuttosto regolare, forse anche piatto per certi versi vista l’assenza di una vera rivalità fra questi due team. La vittoria finale è arrivata grazie all’aiuto di Lacey Evans, mentre Asuka era a terra da tempo immemore.

Giusta la vittoria di Nia Jax e Shayna Baszler per il bene delle cinture di coppia, anche se al momento manca il senso di questo regno di Charlotte e Asuka. Comunque sia, match senza infamia e senza lode che non ha aggiunto molto all’evento.
Voto: 6.5

WWE Championship: Drew McIntyre vs Goldberg:
Nell’opener del PPV, Drew McIntyre è riuscito nella grande impresa di sconfiggere Goldberg e mantenere il titolo WWE alla vita.

Le paure dei fan di tutto il mondo sono state vanificate quando lo scozzese ha respinto la minaccia dell’Hall of Famer grazie al Claymore Kick dopo un match molto breve, esplosivo ma neanche così entusiasmante.

L’utilizzo di Goldberg è stato impeccabile dato che è servito per fortificare lo status di McIntyre, per cui non voglio essere troppo negativo anche se l’incontro in sé per sé non è stato così buono.

Infatti, nonostante io giudichi questo intero segmento positivamente per essere l’inizio di un evento così importante, il voto del match non sarà alto, perché oggettivamente l’azione sul ring ha lasciato molto a desiderare ed ha messo in mostra tutti i limiti di Goldberg, molto più in questo show rispetto ad altre occasioni.
Voto: 6

SmackDown Women’s Championship: Sasha Banks vs Carmella:
La rivincita valida per il titolo femminile di SmackDown ha offerto un buono spettacolo ma non ha di certo rappresentato uno degli highlights del PPV.

Sasha Banks e Carmella non hanno fatto niente di male, anzi, quest’ultima ha dimostrato nuovamente di saperci stare sul ring, ma l’incontro non ha aggiunto assolutamente nulla rispetto al loro precedente scontro di TLC.

Speriamo che la divisione femminile di SmackDown venga un po’ rinfrescata dopo la Royal Rumble.
Voto: 6,5

30-Women Royal Rumble Match:
Arriviamo alla prima delle due Risse Reali, quella che ha coinvolto le donne. I fan hanno accolto con gioia la vittoria di Bianca Belair, sicuramente meritata anche per la prestazione durante la contesa.

Mi sento di dire che questa Royal Rumble femminile sia la migliore degli ultimi tre anni, praticamente la migliore escludendo la prima, del 2018, che secondo me rimane insuperabile. Quasi tutte le lottatrici principali hanno avuto il loro ruolo ed hanno fatto una buona figura, ci sono stati momenti divertenti (grazie Billie Kay) e sorprese piacevoli, su tutte la presenza di Victoria (immagino solo l’ovazione che avrebbe ricevuto se ci fosse stato il pubblico).

L’unico errore è stata l’eliminazione prematura di Bayley, che peraltro è anche sfuggita alle telecamere. Buono anche lo scontro finale tra due future star come Bianca Belair e Rhea Ripley.
Voto: 8

WWE Universal Championship: Last Man Standing Match: Roman Reigns vs Kevin Owens:
La dura rivalità tra Kevin Owens e Roman Reigns è terminata in un cruento Last Man Standing Match, molto appropriato per la storia raccontata nelle settimane precedenti.

In un PPV in cui tutta l’attenzione era catalizzata sulle due Royal Rumble e su Goldberg, questi due atleti hanno sorpreso il mondo intero creando uno scontro molto avvincente, per niente noioso, statico o scontato.

Di solito trovo questa tipologia di match un po’ lenta ma non posso dire che questo incontro lo sia stato. Ottimo fin dall’inizio, con una parte molto ben eseguita nel backstage. Peccato per il finale botchato che abbassa un pochino la valutazione, ma abbiamo comunque assistito ad un grande match.
Voto: 8-

30-Men Royal Rumble Match:
Edge ha chiuso l’evento con la vittoria del suo secondo Royal Rumble Match, questa volta partendo dal numero 1.

I fan si sono divisi sulla sua vittoria e sulle prospettive in vista di WrestleMania, ma la sua performance all’interno di questo incontro è stata gestita molto bene. Ci sono state sorprese piacevoli, come Carlito e Christian (anche qui il pubblico sarebbe esploso), ma la prima parte del match è stata dominata da mid-carder; la mancanza di star-power quest’anno si è fatta sentire e mi ha progressivamente fatto calare l’interesse verso i nuovi ingressi.

Le ultime fasi del match sono state migliori, anche se la trovata di Randy Orton di tornare a fine contesa l’ho trovata poco originale. In sintesi, non si può dire che sia stata una brutta Rumble, anzi, è stata piacevole, ma è mancato qualcosina ed ho trovato più divertente quella femminile.
Voto: 7

Royal Rumble: primo successo del 2021 per la WWE?

Come ogni anno, ricorderemo questa edizione della Royal Rumble principalmente per i due vincitori delle Risse Reali, ma questa volta anche per quanto lo show sia stato solido dall’inizio alla fine.

Non ho dato dei voti così alti ai singoli match rispetto a quello che darò al PPV ma ho avuto la sensazione che tutto sia stato eseguito senza errori evidenti ed ho trovato l’intero evento molto divertente, compresi i match “di contorno” sui quali non avevo così tanto hype.

Mi auguro che la WWE sappia mantenere così alto il livello di intrattenimento anche per i prossimi PPV, soprattutto per riuscire a costruire un’ottima edizione di WrestleMania, di cui la compagnia ha disperatamente bisogno.
Voto: 8