Edge, parole da vero campione: "WrestleMania Moment? Ecco a cosa pensavo"


by   |  LETTURE 2681
Edge, parole da vero campione: "WrestleMania Moment? Ecco a cosa pensavo"

Edge è stato uno dei campioni più amati, odiati e comunque apprezzati della storia recente della WWE. Il canadese però, prima di ogni altra cosa, è sempre stato un grandissimo professionista e l'ha dimostrato una volta ancora su Twitter, ricordando uno degli spot più memorabili e spettacolari della sua carriera.

Si tratta della clamorosa spear che rifilò a Jeff Hardy a WrestleMania X-Seven nel corso del Tables, Ladders and Chairs Match valido per il WWF Tag Team Championship: per chi non se lo ricordasse, Jeff salì una scala, si aggrappò ai due titoli di campione di coppia, rimase appeso nel vuoto dopo che Bubba Ray Dudley gli tolse la scale sotto i piedi e fu abbattuto dalla patentata mossa di Edge che a sua volta si lanciò da una scala.

Una delle scene più note e iconiche dell'intera storia della WWE, riproposta per anni nei vari segmenti del "Don't try this at home" e ancora oggi, a distanza di 18 anni, sempre presentato in ogni video promozionale sulla storia di WrestleMania.

Per chi volesse rivederlo o vederlo per la prima volta, eccolo in un filmato tratto dall'account YouTube ufficiale della WWE:



Ebbene: Edge era consapevole in quel momento di stare per scrivere la storia? E soprattutto: cosa stava pensando nell'istante in cui si lanciò nel vuoto da 5 metri d'altezza per scontrarsi contro un collega a sua volta sospeso nel vuoto per poi stramazzare insieme sul ring? Una domanda che gli ha posto in queste ore anche un fan, con la Rated R-Superstar che gli ha prontamente risposto, dimostrando cosa significhi essere un vero professionista e perché negli anni successivi sarebbe diventato un undici volte campione del mondo.

Il suo unico pensiero non era infatti quello di attirare su di sé le luci del palcoscenico, o l'adrenalina per un momento senz'altro destinato a diventare iconico: Edge sentì su di sé una sola responsabilità, quella di evitare al collega di prendere una botta che avrebbe potuto provocargli gravissimi danni.

"Proteggi Jeff": questo è stato il suo unico pensiero. Edge lo ha spiegato a chiare lettere e anche questo fa di lui un vero campione: