LEGENDS

Jim Ross racconta dei suoi primi anni in WWE

-  Letture: 235
by Alessio Di Iulio

Lo storico commentatore di Raw parla del suo lavoro e del fatto di aver portato nella compagnia di Stamford nomi altisonanti

Jim Ross è stato recentemente intervistato da ESPN, riguardo i suoi primi anni in WWE e anche per parlare del suo libro: Slobberknocker. Ecco le parole dello storico commentatore: Sul suo primo meeting in WWE: "Sapevo molto bene che avrei attirato l'attenzione di tutti quando Vince McMahon mi avrebbe parlato e per tutto quello che riguardava il loro lavoro.

Ho pensato che fosse davvero forte. Mi ha introdotto ai presenti ed era calato il silenzio più totale. Nessuno ha emesso un suono. Non ero il benvenuto ed me ne sono accorto subito". Sul suo debutto a Wrestlemania IX: "Quello non era il miglior modo di sentirsi bene quando ti assegnano il tuo primo incarico.

Non si trattava di un live event qualsiasi, ma dell'evento più importante dell'anno. Quindi è stato un po' destabilizzante, ma bisognava perseverare e affrontare la cosa. Povero me. Stavo commentando Wrestlemania IX.

Ero un fan del wrestling. E mi ci sono voluti ben 19 anni per arrivare lì. E avrei dovuto piagnucolare perché non ero il benvenuto nella Chamber Of Commerce? Vogliamo scherzare. La prima volta è stata un'avventura, commentando al fianco di "Macho Man" Randy Savage e di Bobby Heenan, ma io sono andato avanti ed ho fatto il mio dovere.

Le cose potevano andare diversamente se il resto dello staff non fosse stato gelido con me, ma ho trovato un paio di alleati nel più memorabile dei memorabili team di commento nella storia del wrestling". Sull'aver portato in WWE leggende come The Rock e "Stone Cold" Steve Austin: "Loro erano degli atleti che avevo scritturato.

Sono due ragazzi con i quali in seguito ho avuto un rapporto molto forte ed intimo. E credevo molto in ognuno di loro. Loro erano ciò che serviva per ravvivare il nostro roster e il sentimento di competitività che c'è nei nostri atleti".

.

Powered by: World(129)