Goldberg riscrive la sua storia: "Volevo perdere di più, non me lo permettevano"

Da Man ripercorre la sua carriera piena di successi ottenuti anche dominando, e spiega che in certi casi avrebbe voluto risultati diversi: soprattutto una volta.

by Marco Enzo Venturini
SHARE
Goldberg riscrive la sua storia: "Volevo perdere di più, non me lo permettevano"
© WWE YouTube / Fair Use

Uno degli atleti da sempre caratterizzati da un'aura di invincibilità è senza dubbio Goldberg. Noto per i suoi 173 match consecutivi in cui ottenne solo vittorie in WCW, anche dopo il suo ritorno in WWE nel 2016 raccolse una scia di successi che sorprese qualcuno e scandalizzò altri (a partire dai due regni di Universal Champion ottenuti ai danni di Kevin Owens prima e di Bray Wyatt, nei panni di The Fiend, poi). Nel frattempo, però, l'Hall of Famer ha spiegato di aver a sua volta subito quel genere di scrittura. E, anzi, di aver provato in certi casi a contrastarla senza però riuscirci.

La mostruosa serie di imbattibilità di Goldberg in WCW non a caso è ferocemente criticata da alcuni, oggi, ma alla fine degli anni '90 lo ha reso uno dei più grandi nomi del wrestling mondiale. Ebbene: sfruttando una sua partecipazione al podcast 'Steve and Captain Evil', il veterano ha spiegato che in quel momento non aveva alcun controllo sulla sua serie di vittorie consecutive.

Secondo Goldberg, la sua serie di vittorie era originariamente intesa a creare una valida minaccia per "Hollywood" Hulk Hogan, che si stava godendo il punto più alto della sua corsa con la prima e più riuscita versione della nWo. Tuttavia, quando gli è stato chiesto se avesse la capacità di influenzare le sue storyline, incluso il ruolino delle vittorie e sconfitte, Da Man ha negato che sia mai stato così.

Perché Goldberg voleva perdere e... non poteva!

"No, non sono mai stato nella situazione di poter fare anche solo una telefonata in tal senso. Il fatto è che non mi hanno mai pagato abbastanza per fare anche il produttore", ha raccontato Goldberg. Nonostante ciò, il leggendario ex WCW World Heavyweight Champion (ancora in attesa di potersi regalare un match di ritiro) ha ricordato di non aver compreso all'inizio la psicologia dietro la sua serie di vittorie, perché non era un fan del wrestling della primissima ora, e non era consapevole di quanto potessero essere rabbiosi e infelici i fan del wrestling.

In più Goldberg ha spiegato che un risultato in WCW gli dispiacque particolarmente: afferma infatti che avrebbe voluto perdere contro Bobby Eaton durante un House Show e che la sua richiesta è stata respinta. "Era il suo compleanno e stavamo facendo un House Show - ha affermato Da Man -. Volevo che mi battesse nel giorno del suo compleanno, nel bel mezzo della mia Streak, ma non me lo hanno permesso. All'epoca non mi diedi una spiegazione, non riuscivo proprio a capire perché non potevo perdere!".

Alla fine dei conti, Goldberg ha ammesso che all'epoca le voci sul wrestling non emergevano così facilmente come avviene oggi. Se così fosse stato, prima o poi si sarebbe saputo cosa c'era in programma per lui, e questo probabilmente avrebbe finito per sminuire il suo personaggio.

Goldberg
SHARE