Goldberg: "So che Bret Hart non mi perdonerà mai"



by   |  LETTURE 976

Goldberg: "So che Bret Hart non mi perdonerà mai"

Goldberg è una delle superstar più popolari e controverse dell’era moderna. Nonostante abbia ottenuto tantissimi riconoscimenti, i fan lo hanno spesso criticato per i suoi eccessivi compensi e per le innumerevoli chance titolate che ha ricevuto nel corso degli anni.

Oltre ad essere un quattro volte campione del mondo, è stato anche due volte WCW United States Champion e una volta WCW World Tag Team Champion. Nel 2003, è stato riconosciuto come il primo campione mondiale imbattuto nella storia del wrestling.

Nel 2018, è stato inserito con pieno merito nella WWE Hall of Fame. Durante la sua lunga carriera, ha ottenuto 322 vittorie su 376 match disputati ed è rimasto imbattuto per 460 giorni consecutivi. Intervistato da Peter Rosenberg all’interno del ‘Michael Kay Show’, Bill ha risposto a chi lo accusa di aver posto fine alla carriera di Bret Hart.

I due si sono affrontati nel main event di ‘WCW Starrcade’ nel 1999; a causa di un grave incidente durante il match, la carriera di Bret si è sostanzialmente chiusa quel giorno.

La versione di Goldberg

“Quando si verifica un incidente del genere, le persone tendono a credere soltanto alla versione della vittima.

Nessuno si sforzerà mai di capire il mio punto di vista. Mi porterò quell’episodio nella tomba, perché sono sicuro che Bret Hart non mi perdonerà mai” – ha spiegato Goldberg. “Cos’altro posso aggiungere? Ho detto una miriade di volte che mi dispiace tantissimo e che non l’ho fatto apposta, ma Bret continua a sostenere il contrario.

Pensa che io gli abbia rovinato la carriera intenzionalmente” – ha aggiunto. Bill ha disputato il suo ultimo match qualche mese fa contro Roman Reigns ad Elimination Chamber. Nonostante i suoi 55 anni, ha sfoderato una prestazione maiuscola che ha lasciato a bocca aperta sia i fan che gli addetti ai lavori.

“Non mi piace riguardare le mie esibizioni. Sono sempre piuttosto critico con me stesso, sia che si tratti di una performance dal vivo che di un documentario. Vorrei raggiungere la perfezione ogni singola volta, sono fatto così”.