Gli ultimi giorni di Scott Hall raccontati dall’amico Kevin Nash



by   |  LETTURE 1396

Gli ultimi giorni di Scott Hall raccontati dall’amico Kevin Nash

Purtroppo come sapete, il 14 marzo abbiamo perso Scott Hall dopo alcuni problemi di salute. A raccontarci dei suoi ultimi giorni è il suo amico e collega Kevin Nash, che con lui ha condiviso tanti bei momenti nella vita e nella carriera.

Momenti difficili

Kevin Nash ha raccontato ai microfoni del suo podcast Kliq This: “Scott viveva in un duplex in Georgia, oltre al Braves Stadium. Stava ricevendo una consegna da GrubHub e un posto da asporto cinese che gli avrebbe portato Vodka. Stava facendo un po' di Kool-Aid, ha messo la brocca di plastica nel frigorifero e ci ha messo il ghiaccio dentro, ma un paio di pezzi di ghiaccio sono usciti fuori e sono atterrati sul pavimento. È andato lì e l'ha mescolato, sono sicuro che fosse Crystal Light perché ha mangiato abbastanza pulito, è tornato a prendere qualcosa e uno dei pezzi di ghiaccio gli ha preso il tallone. 

È atterrato e si è rotto l'altra anca. È in mezzo alla sua cucina e sta soffrendo parecchio tanto che non può muoversi. Cerca di muoversi diverse volte, non può, e alla fine sviene. Si sveglia e ora è notte. Non ne ha idea. Il suo telefono è vicino alla poltrona ed è tra quella e il Kool-Aid. Finisce per svenire, si sveglia, e a questo punto, è così disidratato. Ha il pacemaker nel cuore e fa: 'Creperò se non prendo dei fluidi.’ Si è voltato e si è trascinato per prendere la Kool-Aid e ha bevuto attraverso il beccuccio, sorseggiandola lentamente. È stato in grado di trascinarsi e chiamare il 911. Sono venuti a prenderlo e lo hanno portato in ospedale.”

Ha continuato dicendo, "So che Scott non aveva l'assicurazione, ma aveva bisogno di sistemarsi l’anca. Ha avuto altri problemi su problemi. Hanno fatto la TAC e ha avuto una specie di perforazione intestinale. Ho parlato con lui un paio di volte al telefono. Ho parlato con lui ogni giorno che era in ospedale. 

[…] Ho provato a prendere un volo per Atlanta, ma non ci sono riuscito. Sono tornato a Daytona Beach, non sono riuscito a prendere un volo. A quel punto, hanno detto che stavano per staccare la spina e il medico ha detto che forse sarebbe rimasto vivo per altri dieci minuti. Prima che staccassero la spina, tutti i ragazzi della Kliq sono stati messi in viva voce al telefono, hanno parlato con lui, hanno pianto e praticamente era tutto quello che potevamo fare.”