DDP si emoziona ricordando il mitico Eddie Guerrero



by   |  LETTURE 701

DDP si emoziona ricordando il mitico Eddie Guerrero

Eddie Guerrero è considerato uno dei migliori wrestler di ogni epoca, avendo lottato nelle più importanti federazioni di wrestling americane e avendo fatto innamorare milioni di tifosi in tutto il mondo. Eddie è stato uno dei performer più carismatici di sempre e – nonostante interpretasse un personaggio heel in WWE – è riuscito ad entrare nel cuore della gente grazie al suo innato carisma.

Il 13 novembre 2005, fu ritrovato privo di vita dal nipote Chavo nella sua stanza d’albergo a Minneapolis, città in cui si sarebbe tenuta una puntata di SmackDown. La WWE lo ha inserito con pieno merito nella Hall of Fame l’anno successivo.

Il suo nome compare nella lista delle 50 migliori superstar nella storia della compagnia, un riconoscimento legittimo per un fuoriclasse senza tempo. Nell’ultima edizione di ‘DDP Snake Pit’, il WWE Hall of Famer Diamond Dallas Page si è emozionato ricordando il suo amico Eddie.

I due hanno condiviso il ring diverse volte in WCW alla fine degli anni ’90.

DDP ricorda Eddie Guerrero

“Eddie Guerrero aveva un talento fuori dal comune ed è migliorato tantissimo nel corso degli anni.

È riuscito a tirare fuori il meglio dai suoi avversari, me compreso. Ha contribuito a rendermi un top performer. Non scorderò mai le accesissime sfide contro di lui, sembravano così realistiche” – ha raccontato DDP.

“Pochi atleti hanno avuto il suo carisma nella storia di questo business. Mi vengono in mente Jake Roberts, Ric Flair e Shawn Michaels. Eddie rientra nell’élite, non ci sono dubbi al riguardo” – ha sentenziato.

Qualche tempo fa, l’ex arbitro della WWE Brian Hebner aveva reso omaggio a Guerrero: “Il suo personaggio ha conquistato i fan perché c’era un elemento culturale al suo interno. Eddie ha rappresentato un’enorme attrazione soprattutto per il pubblico latino, avendo aiutato la WWE a fare breccia in quel mercato.

La situazione è molto diversa oggi e forse Eddie non arriverebbe nemmeno a conquistare il titolo mondiale. Non credo che sarebbe stato felice. Avrebbe avuto successo perché stiamo parlando di un fuoriclasse, ma non si sarebbe trovato a suo agio nel 2022”.