Come sta Hacksaw Jim Duggan? Ce ne parla lui in un nuovo aggiornamento



by   |  LETTURE 470

Come sta Hacksaw Jim Duggan? Ce ne parla lui in un nuovo aggiornamento

Purtroppo il 16 maggio vi abbiamo informati del fatto che Hacksaw Jim Duggan, che era già stato male l’autunno scorso, sembrava guarito dal cancro, attraverso quello che aveva dichiarato lui, ma ora purtroppo si trova nuovamente ad affrontarlo.

In un video su Facebook insieme alla moglie infatti aveva raccontato: “Sembra che il mio trattamento del cancro non sia finita anche dopo la rimozione della mia prostata lo scorso ottobre. Domani farò il mio secondo vaccino ormonale e martedì mi prepareranno per la radioterapia, che sarà di otto settimane, cinque giorni a settimana. I medici sono molto ottimisti sul fatto che l'abbiano preso presto. Ma è comunque un momento terrificante per me e la mia famiglia. I dottori hanno anche detto di andare avanti e vivere la vita, cosa che faremo.”

Come sta ora Hacksaw?

A rispondere a questa domanda ci ha pensato lui sempre attraverso un aggiornamento video sui social, dove ha spiegato: "Ero lì dentro, a lavarmi i denti, a prepararmi per andare a letto, e a compiangermi.

Non è passato molto tempo da quando ho avuto il cancro ai reni, ho perso un rene. Poi solo tre anni fa, ho avuto tutti i problemi cardiaci, ero nell'unità di terapia intensiva e ho finito per avere un'ablazione. Poi ho avuto altri due incidenti in cui ero nell'unità di terapia intensiva, e poi mi viene diagnosticato un cancro alla prostata, mi tolgono la prostata e devo ancora avere le radiazioni perché il cancro è ancora in me.

Quindi me ne stavo lì seduto a compiangermi, ma poi mi sono guardato allo specchio, e l'uomo allo specchio mi guardava con forza. E [dice]: ‘Duggan, smettila di pensarci troppo! Alzati dritto. E Dio benedica che hai solo altre 6 settimane di radiazioni. Dio ti benedica! Guardati intorno! Guardati intorno! Stai molto meglio di un sacco di altre persone. Dio ti benedica! Così Hacksaw, smettila di pensarci troppo!’ E sto per farlo!”

Ancora una volta mandiamo un abbraccio a questa leggenda e gli auguriamo il meglio.