Show Stopper - WWE Survivor Series Match 2005: The blue party



by   |  LETTURE 714

Show Stopper - WWE Survivor Series Match 2005: The blue party

La WWE è entrata ufficialmente nella settimana delle Survivor Series, ultimo evento importante dell’annata e giunto alla sua trentaquattresima edizione. Uno dei piatti forti del PPV che si terrà domenica è sicuramente la tradizionale sfida 5 Vs 5 tra RAW e SmackDown, anche se, a causa di fattori esterni legati alla pandemia, la costruzione è parecchio limitata e non sta replicando la magia di quindici anni fa, quando venne costruita una delle faide tra brand più belle di sempre.

Il 27 novembre, all’interno della Joe Louis Arena di Detroit, si svolse Survivor Series 2005, evento apprezzabile e che presentò una card solida, in particolar modo la sfida tra i due show di punta della WWE.

La rivalità ebbe iniziò addirittura alla Royal Rumble, anche se la goccia che fece traboccare il vaso fu un intervento di Eric Bischoff in una puntata di RAW dove fece spegnere le luci durante una sfida tra lottatori di SmackDown.

Lo show blu rispose con diverse interferenze e, dopo una piccola anticipazione a Taboo Tuesday, i due brand sancirono il 5 Vs 5: il Main Roster si presentò con Shawn Michaels, Kane, Big Show, Carlito e Chris Masters, mentre l’evento del venerdì sera ebbe Batista, Rey Mysterio, JBL, Bobby Lashley e Randy Orton, quest’ultimo sostituì il compianto Eddie Guerrero a causa della morte prematura del messicano il 13 novembre.

La rivalità divenne molto aspra e parecchio apprezzata dal pubblico, con RAW che danneggiò il campione dei pesi massimi durante un attacco nel parcheggio.

Team RAW Vs Team SmackDown: una grande guerra

Lo storico incontro partì subito nel segno dei Kane e Big Show, con i campioni di coppia che fecero il bello e il cattivo tempo, causando le eliminazioni di Bobby Lashley e Batista, quest’ultimo infortunato e stoico nel mandare fuori il Big Red Monster.

Nonostante il team rosso partì con il vento in poppa, fu lo show blu a portarsi avanti tanto che fu Shawn Michaels a restare per ultimo della sua squadra. HBK disegnò una prestazione mostruosa, riuscendo nell’impresa di resistere e di mandare fuori sia Rey Mysterio, sia JBL.

Tuttavia, Randy Orton riuscì a sorprendere il suo avversario e a stenderlo con la sua RKO, facendo vincere SmackDown. Al termine dell’incontro, mezzo roster blu salì sul ring per festeggiare il Legend Killer, ma le luci si spensero e i druidi accompagnarono con un grande effetto scenico il ritorno dell’Undertaker.

Il Deadman attaccò e stese tutti gli atleti in mezzo al quadrato e indicò Orton come sua prossima vittima, dato che qualche settimana prima l’aveva mandato in ospedale (storyline); i due ebbero modo di affrontarsi nel violentissimo Hell In A Cell di Armageddon, vinto poi dal Phenom.

La battaglia 5 Vs 5 tra RAW e SmackDown viene ricordata ancora oggi per essere una delle sfide più belle della storia di Survivor Series, oltre che rappresentare l’emblema della rivalità tra i due show di punta della federazione di Stamford, cosa che negli anni successivi non venne mai replicata.