Show Stopper - WWE Summerslam 2013: The Beast In The World



by   |  LETTURE 1189

Show Stopper - WWE Summerslam 2013: The Beast In The World

Manca sempre meno all’appuntamento con l’evento più caldo dell’anno: Summerslam. Molti fan di wrestling considerano questo PPV come la WrestleMania dell’estate, per via della grande importanza e della card che presenta diversi dream match, esattamente come accadde sette anni fa.

Il 18 agosto 2013, sempre all’interno dello Staples Center di Los Angeles, si tenne la ventiseiesima edizione di Summerslam, considerata da molti come una delle più belle di sempre. La card e le elevatissime aspettative vennero confermate grazie a diverse battaglie avvincenti, come la sfida titolata tra il campione WWE John Cena e Daniel Bryan oppure la sorpresa Alberto Del Rio contro Christian, che sorprese anche i più scettici.

Ma l’incontro che rubò la scena del PPV fu sicuramente il match senza squalifiche tra Brock Lesnar e CM Punk. La rivalità iniziò a Money In The Bank quando Paul Heyman, manager del Best In The World, tradì l’atleta di Chicago, facendo perdere l’opportunità di vincere la valigetta; Punk si scagliò contro l’ex rappresentate della ECW, ma dovette fare i conti con The Beast, tornato in azione a RAW e che, in difesa del suo storico avvocato, attaccò il leader della Straight Edge Society con una F-5 sul tavolo dei commentatori.

Nelle settimane prima dell’evento, venne ufficializzata la sfida tra i due e venne aggiunta la stipulazione del No Disqualification Match.

CM Punk Vs Brock Lesnar: Best Vs Beast

La battaglia fu tanto aspra quanto emozionante; il pubblico di Los Angeles si divertì parecchio a vedere all’opera le due superstar, che regalarono una gemma dopo l’altra, facilitati anche dalla stipulazione.

L’atleta di Chicago sfiorò la vittoria dopo un salto dalla terza corda e diverse sediate. La svolta dell’incontro avvenne quando Punk eseguì la sua GTS, ma Heyman salvò il suo assistito dalla schienamento; a quel punto, il Best In The World, oltre a ribaltare la F-5 di Lesnar, tentò di chiudere il suo avversario nell’Anaconda Vice, ma fu nuovamente distratto dall’avvocato di The Beast.

Brock si riprese e, oltre a salvare la pelle del suo avvocato, iniziò a colpire Punk con la sedia più volte, prima del Tornado F-5 decisivo per la vittoria finale. In molti considerarono la battaglia tra Brock Lesnar e CM Punk come la migliore dell’intero 2013; inoltre, tale sfida diede da un lato la consacrazione di The Beast, che l’anno dopo mise fine alla Streak dell’Undertaker e tornò campione del mondo distruggendo John Cena; dall’altro si assistette al “canto del cigno” dell’atleta di Chicago nella federazione di Stamford, dato che qualche mese dopo, a causa di attriti più o meno dichiarati con la dirigenza, abbandonò definitivamente la WWE, divididendo completamente i fan.