Shawn Michaels e quel pugno a Bret Hart: anni dopo torna a parlarne Jim Ross



by   |  LETTURE 1869

Shawn Michaels e quel pugno a Bret Hart: anni dopo torna a parlarne Jim Ross

Al termine della sua carriera, Shawn Michaels è stato elogiato ripetutamente e la maggior parte dei suoi colleghi prova gran rispetto per lui, ma non è sempre stato così. The Heartbreak Kid è stato protagonista in diversi episodi di profonde controversie durante la sua esperienza con la federazione di Vince McMahon, ed uno dei più eclatanti riguarda il PPV di WrestleMania 12.

Il wrestler texano fu protagonista di un eccezionale Iron Man Match di circa 60 minuti, incontro che lo vide vincere e conquistare il titolo contro l'allora campione Bret Hart. La sfida inizialmente dopo i 60 minuti finì senza un vero verdetto, ma successivamente dopo due minuti dalla ripresa HBK effettuò due Sweet Chin Music in rapida successione che risultarono decisive e decretarono il cambio di titolo.

Questo match viene ricordato anche perché Shawn non rispettò totalmente la keyfabe e diede un paio di colpi (non previsti) al suo avversario.

Le parole di Jim Ross sullo scontro tra Shawn Michaels e Bret Hart

Nel corso di un'intervista, il commentatore Jim Ross ha ricordato quello che successe in quella particolare e storica serata.

Ecco le sue parole a riguardo: "Shawn Michaels ebbe un comportamento irrispettoso per tutta la contesa, insultò in diverse occasioni l'arbitro Earl Hebner e si comportò davvero male con Bret, che rimase abbastanza angosciato da questa cosa.

Arrivò in cima al mondo, ma allo stesso tempo dimostrò di essere ancora immaturo. Aveva l'atteggiamento di chi si sentiva il migliore di sempre e che risultava molto autoritario. Shawn Michaels diede un pugno non programmato a Bret Hart che fu molto responsabile e non reagì, credo che lui mostrò gran carattere riuscendo a mantenere la calma all'interno del ring.

Io penso che HBK fu molto fortunato a non ricevere la reazione di Bret, altrimenti sono sicuro che tra i due (in uno scontro fisico vero) sarebbe stato The Hitman ad avere la meglio" Nel corso della sua carriera però Shawn Michaels è cambiato molto e, al suo ritiro, nel 2010, ha ricevuto tanti elogi ed il rispetto di quasi la totale maggioranza dei suoi colleghi.

Dopo molti anni, poi, ebbe anche modo di appianare buona parte delle profondissime divergenze con Bret Hart (la più importante delle quali è ovviamente legata allo Screwjob di Montreal), e perfino l'Hitman ha ammesso che ormai i rapporti tra i due sono sostanzialmente distesi.