Show Stopper - WWE Backlash 2008: The King turns 12



by   |  LETTURE 800

Show Stopper - WWE Backlash 2008: The King turns 12

Manca sempre meno all’appuntamento con Backlash che, dopo la cancellazione per i fatti controversi del 2019 (sostituito con Stomping Grounds), torna in auge ma, a differenza del passato dove seguiva i fatti dello Showcase of Immortals, si presenta soltanto dopo la disputa di Money In The Bank.

Nonostante venga considerato da molti fan di wrestling come un semplice evento di transizione, in realtà questo PPV ha avuto modo di raccontare diversi fatti da ricordare, momenti storici e vittorie indimenticabili come accaduto esattamente dodici anni fa.

Il 27 aprile 2008 si svolse la decima edizione di Backlash, in programma alla First Mariner Arena di Baltimora. La serata ha regalò diversi spunti e buoni incontri, grazie anche ad una card davvero interessante; il piatto forte dell’evento fu senza ombra di dubbio il Fatal-4-Way Match valevole per il titolo WWE, dove il campione Randy Orton dovette difendere la sua cintura dall’assalto di JBL, Triple H e John Cena.

A WrestleMania 24 il Legend Killer riuscì nell’impresa di battere The Game e il Leader della Cenation, ma la sera dopo venne sfidato dal riccone texano; nelle settimane successive il King Of Kings e l’atleta di Boston, non contenti dell’esito della notte di Orlando, si inserirono nella contesa e, per ordine del GM William Regal, la contesa diventò un incontro a quattro ad eliminazione.

La rivincita di Triple H

La battaglia (senza squalifica) fu piuttosto piacevole, con colpi di scena e diversi ribaltamenti clamorosi. La prima svolta avvenne quando sia JBL, sia John Cena vennero fatti fuori in pochi secondi; l’ex Doctor of Thuganomics eliminò il texano grazie alla sua STF, ma subito dopo venne colpito dal calcio leggendario di The Viper e venne estromesso dalla contesa.

Gli ultimi a restare nel ring furono Triple H e Randy Orton, con i due che diedero vita ad una vera e propria scazzottata e nel finale, dopo diversi batti e ribatti, fu The Game a trionfare e a conquistare la cintura WWE grazie al suo Pedigree.

Il King Of Kings, dopo diversi mesi di inseguimento, riuscì finalmente a diventare campione mondiale per la dodicesima volta. Il regno di HHH terminò alle Survivor Series 2008, ma ebbe modo di riconquistare il titolo a No Way Out 2009 e, nei tempi più recenti, riuscì a tagliare la fatidica quota di quattordici regni alla Royal Rumble 2016.

Randy Orton invece si infortunò gravemente ad Extreme Rules 2008, ma poi tornò per vincere la rissa reale dell’anno successivo e, nonostante la sconfitta subita a WrestleMania 25 contro The Game, riuscì a riottenere la cintura a Backlash 2009.