Lutto nel mondo del professional wrestling: muore Absolute Andy



by RACHELE GAGLIARDI

Lutto nel mondo del professional wrestling: muore Absolute Andy
© wXw YouTube/Fair Use

È con estremo dispiacere che annunciamo la morte del wrestler Absolute Andy scomparso alla giovane età di 40 anni. Nato a Norimberga nel 1983, Absolute Andy aveva cominciato a lottare nel 2003 sui ring della German Stampede Wrestling, arrivando anche nel 2006 in Italia grazie alla ICW in occasione dello show ICW Xplosion al Palasport di Siena.

La maggior parte del tempo nel professional wrestling lo ha passato sui ring della Westside Xtreme Wrestling (wXw), apparendo anche per in PROGRESS e Pro-Wrestling NOAH in alcune occasioni quando si trattava di collaborare con queste realtà.

Molte persone si sono riversate sui social per porgere le loro condoglianze a chi conosceva personalmente il wrestler nella vita privata e in quella lavorativa e anche noi di World Wrestling ci uniamo a tutti porgendo le nostre più sentite condoglianze alle persone vicine a Absolute Andy.

Il saluto speciale della wXw

Sui propri social, la Westside Xtreme Wrestling ha salutato così Andy:

"Salutiamo uno dei wrestler più importanti nella storia della wXw. Absolute Andy è senza dubbio uno dei lottatori più famosi e amati in terra tedesca. Nella sua carriera quasi ventennale, Andy ha vinto tutti i titoli principali in wXw. Vincitore del 16 Carat Gold, è stato Unified World Wrestling Champion, wXw Shotgun Champion, 5 volte wXw World Tag Team Champion, wXw World Heavyweight Champion. Andy è l’unico lottatore ad aver vinto tutti questi titoli. 

Oltre 330 volte Andy si è allacciato gli stivali ed è salito sul ring della wXw contro i migliori. Bryan Danielson, Hiroshi Tanahashi e Jeff Jarrett sono stati tra i suoi avversari, così come WALTER, Ilja Dragunov e Tommy End.

Andy ha perso la sua lunga battaglia contro la malattia l’altro ieri e si è addormentato accanto a sua moglie. Mandiamo alla sua famiglia e ai suoi amici tanta forza in questo momento e vi chiediamo di rispettare la loro privacy.”