Brian Pillman Jr contro un membro della famiglia Hart



by   |  LETTURE 757

Brian Pillman Jr contro un membro della famiglia Hart

Per chi non lo conoscesse, Teddy Hart è stato il più giovane di sempre ad aver firmato un contratto di sviluppo con la WWE nel lontano 1998. Wrestler di terza generazione, nipote di Stu Hart (Nonno, ndr), Bret Hart, Owens Hart e Davey Boy Smith (Zii, ndr), Teddy Hart è conosciuto nel mondo wrestling grazie alla sua pessima reputazione: presuntuoso e intemperante, il wrestler canadese venne poi svincolato dalla WWE a causa dei suoi problemi comportamentali. Questi problemi, insieme ad altri problemi legati all’abuso di alcol e droghe, hanno portato gli amici di Teddy Hart ad allontanarsi da lui ed a interrompere ogni tipo di comunicazione con lui, come è successo a Brian Pillman Jr.

"Tutti elogiano la mia scelta"

In un interevista rilasciata a Nick Hausman di WrestlingInc, il lottatore in forza all’AEW ha ammesso di aver preso la decisione di tagliare i ponti con il lottatore della famiglia Hart, nonostante la stima che prova nei confronti di quest’ultima: "Ho smesso di comunicare con lui e l'ho fatto un bel po 'di tempo fa, e la maggior parte delle persone ha elogiato questa decisione. Mi hanno detto: 'Sei intelligente per farlo'. Li amo da morire. Certo, amo la famiglia Hart e hanno fatto così bene con me. Teddy è una specie di grande difensore della famiglia quando si tratta della dinastia Hart e di tutto ciò collegato ad esso. Però ho deciso di chiudere, ho chiarito abbondantemente a tutti che non mi faccio più associare a lui, anche se abbiamo avute delle esperienze importanti insieme in MLW. Ho preso queste decisioni molto prima che uscisse il documentario, capito? Volevo separarmi da Teddy. Lui sperava di ricevere aiuto dagli altri. Semplicemente non volevo continuare il suo wrestling. Non volevo continuare a farlo impegnare per poi prendermi la responsabilità delle sue azioni, tanto si è capito che ogni cosa che fa la gente dirà “è solo Teddy”, comprendi? Voglio che pensino a me per quello che sto facendo da solo e non associandomi ad un Hart.”