Kurt Angle: "Ecco un match che mi ha allungato la carriera"

Kurt Angle ha svelato di aver pensato al ritiro prima di un match in TNA

by Andrea Scozzafava
SHARE
Kurt Angle: "Ecco un match che mi ha allungato la carriera"

Dal suo debutto in WWE nel 1999, Kurt Angle si è costruito una carriera leggendaria nel mondo del wrestling tanto da riuscire a entrare a far parte dell'Hall of Fame della compagnia di Stamford nel 2017. La medaglia d'oro olimpica è anche tornata successivamente nella federazione nel ruolo di General Manager di Raw disputando poi anche qualche sporadico match.

Negli ultimi anni della sua carriera, Angle ha preso parte al debutto in WWE di Ronda Rousey nel tag team match di Wrestlemania 34 tra lui e l'ex campionessa UFC contro Triple H e Stephanie McMahon. La sua carriera da lottatatore all'interno del quadrato è terminata l'anno dopo a WrestleMania 35, dove si ritirò a seguito di una sconfitta patita da Baron Corbin.

Kurt Angle: "Non sapevo se mollare o andare avanti"

Parlando in una sessione di domande e risposte al 'The Kurt Angle Show', l'Hall of Famer WWE ha rivelato di aver pensato al ritiro molto prima del 2019. Tuttavia, un match valevole per il titolo del mondo della TNA nel 2015 contro Bobby Lashley gli ha fatto cambiare idea: “Quella vittoria del titolo è stata molto importante per me. Avevo circa 40 anni e non sapevo cosa ero ancora disposto a fare. Quel match è stato una prova importante. Lashley era in forma, io ero vicino alla fine della mia carriera e nonostante tutto stavo lottando per un titolo del mondo e ho pure vinto. Abbiamo fatto un grande match e ciò mi ha dato fiducia di continuare ad andare avanti. Stavo attraversando un momento difficile e avevo pensato sul serio di ritirarmi. E' stata una svolta però per me. Se ho continuato a lottare per qualche anno in più è grazie a quel match".

Di recente, Kurt Angle ha parlato anche di Seth Rollins, paragonandolo a Shawn Michaels: “Non è un azzardo dire che sarà il prossimo HBK. Credo che alla fine lo diventerà sul serio. Non è arrivato a questo punto perché Shawn ha fatto molti più anni di carriera, sai, circa 30 anni, ma Seth mi ricorda lui per certi aspetti. Tutti i match che disputa sono incontri a cinque stelle. Quando hai questo tipo di chimica con tutti, come c'è l'ha Seth, significa che sei un performer incredibile. Per questo motivo penso che Rollins sia simile a Shawn Michaels”.

Kurt Angle
SHARE