Eddie Kingston positivo al COVID: salterà una puntata di NJPW Strong



by   |  LETTURE 997

Eddie Kingston positivo al COVID: salterà una puntata di NJPW Strong

Purtroppo per Eddie Kingston, il wrestler dovrà saltare uno show della NJPW perché è risultato positivo al COVID. Kingston avrebbe dovuto collaborare con Wheeler Yuta e Homicide ai prossimi tapings NJPW Strong Autumn Action per affrontare Jay White e The Good Brothers. 

Postando su Twitter, la star ha ora rivelato che perderà i tapings, ma cercherà di fare il possibile per essere disponibile per i prossimi tapings della AEW il 14 settembre: “Quindi eccoci qui, ho preso il covid e non sarò in grado di essere a Strong questo weekend. Fa fottutamente schifo. Farò nuovamente un test per vedere se riesco ad andare in tv questa settimana.”

Kingston era tornato in azione a AEW a All Out solo il 4 settembre a seguito di una sospensione per la sua parte in un alterco con Sammy Guevara. A riportare la notizia era stato Dave Meltzer. A dare man forte alle dichiarazioni del noto giornalista, ci ha pensato Fightful, secondo cui si sia sfiorata una vera e propria rissa. Sammy Guevara avrebbe effettuato dei commenti denigratori nei confronti del fisico di Kingston, irritando quest'ultimo e portandolo ad alzare le mani. Qui trovate il punto di vista di Guevara.

Eddie Kingston e le battaglie che contano

In un’intervista che risale a gennaio 2022, il wrestler aveva parlato di salute mentale, dicendo: "Combatto ogni giorno per migliorare la mia salute mentale e sono davvero aperto su questo tema perché non mi interessa nulla degli altri.

Solo Dio può giudicarmi, quindi non mi interessa cosa dicono tutte le altre persone. Abbiamo perso alcune persone perché abbiamo sbagliato il nostro comportamento. Ho perso molti amici a causa dell’abuso di droghe perché non stavano bene con loro stessi.

Un paio di miei amici si sono suicidati perché pensavano di essere soli. Non abbiamo mai riferito i nostri problemi ad un booker o un promoter. Non gli confidavamo mai. Noi ci presentavamo lì con una caviglia rotta perché avevamo paura di perdere il nostro posto di lavoro. Ora mi sento molto bene dato che abbiamo un team che ci supporta”.