La neonata Break Pro Wrestling celebra il Pride month

La neonata federazione italiana nota come Break pro Wrestling, celebra il mese Pride nel rispetto e l'uguaglianza di tutti.

by Aldo Fiadone
SHARE
La neonata Break Pro Wrestling celebra il Pride month

Il wrestling italiano sta crescendo anno dopo anno e con esso anche la venuta al mondo di nuove realtà e la conferma di altre più datate. Se la Italian Championship Wrestling si conferma come uno dei territori più floridi della nazione, allo stesso tempo ritorna in scena la European Pro Wrestling come visto già lo scorso 15 maggio a Roma attraverso l'evento Reloaded in cui D3 ha segnato il suo ritorno lottato in Italia superando nel main event l'atleta scozzese ex Impact Wrestling e ROH, Joe Hendry.

Una conferma, una rinascita e una nascita a tutti gli effetti dato che nel territorio romano si prepara ad andare in scena la Break Pro Wrestling, federazione di Andrea Ballarin con il primo show in scena domenica 23 ottobre nella capitale.

I biglietti sono già disponibili grazie al servizio DICE, lo stesso che da la possibilità di acquistare i biglietti della Progress Wrestling sul suolo inglese. Per il momento sappiamo che l'intenzione della Break è quella di decretare il suo primo campione assoluto attraverso un torneo nel quale, per ora, è stato annunciato solo un partecipante, Adriano “Leone di Roma” che abbiamo piacevolmente intervistato sul pro Wrestling Culture per un episodio esclusivo in onda sabato 4 giugno in solo formato podcast su Spreaker, Spotify, Aplle Podcast, Amazon Prime Music ecc.

In attesa di saperne di più, la Break festeggia l'inizio del mese di giugno come Pride Month dando un nuovo look al proprio logo dove ora compaiono i colori arcobaleno al suo interno.

Un efficace scelta sociale di grande rispetto per questa nuova realtà che sta già conquistando l'attenzione di tanti fan in giro per la nazione.

Restate quindi sintonizzati su worldwrestling.it e su tutte le nostre piattaforme, in particolare con il Pro Wrestling Culture, sempre pronto a dare spazio al wrestling italiano e nello specifico, a federazioni di questo tipo, sempre pronte a rubare la scena e i cuori dei più esperti nel settore.

Qui sotto potete recuperare gli ultimi episodi dello show come la nostra recensione di AEW Double or Nothing insieme al commentatore della All Elite su Sky Sport Italia, Salvatore Torrisi.

SHARE