Una serie di indizi contenuti nel promo di Slammiversary



by   |  LETTURE 431

Una serie di indizi contenuti nel promo di Slammiversary

Impact Wrestling si prepara in vista di Slammiversary, l'evento che andrà a celebrare i venti anni di attività della compagnia e lo farà il prossimo 19 giugno nell'Asylum di Nashville in Tennessee.

L'arena in cui tutto ebbe inizio nell'ormai lontano 2002, tornerà a risuonare seppur attraverso i cori Impact Wrestling dato che, dal 2017 ad oggi, la federazione ha cambiato il suo nome passando da TNA (Total NonStop Action Wrestling) all'attuale Impact Wrestling.

Una scelta dovuta alla reputazione negative che pochi anni prima il marchio TNA si era accollata da molti media e, più in particolare, da fan e addetti ai lavori. Il gruppo Anthem Sports & Entertainment, da allora proprietario della federazione divenuta con sede canadese nel tempo, ha rivitalizzato lo stesso progetto che nell'ottobre 2016, sotto la gestione di Dixie Carter, ha rischiato di chiudere i battenti ed essere poi acquistato dalla WWE di Vince McMahon.

Una rinascita complessivamente positiva per aver riportato in auge il marchio con il gisuto spirito, un ottima qualità del lottato, delle storie, ma anche per aver stretto importanti collaborazioni, una su tutte quella con la New Japan Pro Wrestling riconquistata dopo il distruttivo rapporto avuto durante la gestione Hulk Hogan/Eric Bischoff.

Cambiano i protagonisti, ma i ricordi e le memorie restano ben salde nella mente dei più caldi e longevi fan di questa realtà e, proprio per tale motivo, Impact Wrestling sceglie di giocare in merito con un promo pubblicitario di Slammiversary e contenente una serie di indizi ed easter egg in vista del PPV.

Qui sotto potrete notare il video in cui Josh Alexander, Impact World Champion, si accorge di sentire i cori “TNA! TNA! TNA!”, va per alzarsi fino a raggiungere un oggetto coperto da un asciugamano. Una volta tolto quest'ultimo, trova una scatola con raffigurante il vecchio logo della compagnia.

Subito dopo parte una voce, quella del compianto Barry Scott, in cui si sente: There is no place like home”. Tale frase avrebbe dovuto dare il nome allo show della WrestleMania week 2020, evento che venne cancellato a causa della pandemia mondiale, ma allo stesso tempo diede l'input per riportare in auge il vecchio titolo con il quale venne pianificato, e giustamente costruito, il push dell'ormai ex Impact World Champion, Moose.

Tante sorprese sembrano essere in arrivo, tante idee bollire in pentola, non resta che goderci questa clip e nel frattempo attendere il 19 giugno. Slammiversary 20th Anniversary is coming!