Tony Khan risponde alle critiche di un Hall Of Famer WWE



by   |  LETTURE 845

Tony Khan risponde alle critiche di un Hall Of Famer WWE

La concorrenza tra la WWE e la AEW continua anche nelle parole di alcuni grandi esponenti del wrestling.

Tony Khan risponde a Eric Bischoff: "Le sue parole sono da incosciente"

L'Hall Of Famer WWE, Eric Bischoff, si era espresso in modo molto critico nei confronti dell'attuale prodotto WWE, notando che era molto stereotipato: "Il prodotto WWE ha lo stesso successo degli ultimi 20 o 25 anni.

La cattiva notizia è la formula che mantiene la WWE nella posizione in cui si trova attualmente ed è una formula molto sterile. Cambiano i nomi e gli abiti, ma niente cambia davvero. È molto stereotipato e non attira nessun nuovo spettatore"

Eric Bischoff fu critico anche nei confronti del presidente della AEW, Tony Khan: "Se non hanno il coraggio di competere con i migliori, allora bisogna stare zitti. Non c'è alcun vantaggio tattico nel degradare completamente la concorrenza quando è chiaro al tuo pubblico che non hai il coraggio di fare nulla a riguardo.

Stai combattendo una lotta in cui non sei disposto a lottare. E secondo me tutto ciò è da persona infantile. In passato ad un podcast ho ammesso di provare un po’ di invidia, non gelosia per Tony e la AEW perché ci sono già passato in queste situazioni e so cosa si prova.

Quell’episodio ha fatto grandi ascolti, più di AEW e WWE. Quindi posso andare in giro a dire di esser migliore di loro? No, sarebbe da stupidi. Tony parla troppo ma il problema è la manipolazione dei dati sui suoi show.

Da l’impressione che siano sempre alla pari con la WWE. Lo fa dal primo giorno" Su queste dichiarazioni, Tony Khan ha poi risposto: "Non mi interessa in che notte si svolgono gli show. È davvero da incosciente che Bischoff dica queste cose perché non scelgo io in quale serata si terrà Dynamite o Rampage.

Ognuno ha le sue fasce orarie. Queste accuse sono senza senso. Le fasce nostre che mi sono state assegnate sono quelle e non le possiamo cambiare per sfidarci testa a testa con gli altri"