La pandemia non si arresta: Jake Roberts è positivo al COVID



by   |  LETTURE 890

La pandemia non si arresta: Jake Roberts è positivo al COVID

La leggenda Jake “The Snake” Roberts è sotto contratto con la AEW, ma è parecchio tempo che non lo vediamo apparire sullo schermo. Il wrestler è stato affiancato a Lance Archer, che a sua volta è fuori dai giochi per un infortunio al collo. 

Roberts ha fatto notare che sono tre mesi che non è andato a lavorare, con Tony Khan che ha cercato di proteggerlo in tutti i modi, soprattutto perché è un soggetto ad alto rischio a causa della sua età e problemi di salute passati.

I tweet di Roberts

The Snake ha voluto fare un paio di tweet per spiegare ai fans la situazione che sta vivendo attualmente a causa della sua positività al COVID, che come sappiamo in questo periodo non ci sta dando tregua, tra molti contagi e le varianti.

Il primo tweet cita: “Ho aspettato tanto. Veramente pensavo di essere a prova di proiettile. Si ho avuto il Covid-19!!!!!”

Mentre nel secondo scrive: “Sì, dopo non essere andato al lavoro in AEW per quasi tre mesi. Tony Kahn sa che sono ad alto rischio e ha superato ogni aspettativa cercando di tenere tutti al sicuro. Sono abbastanza sicuro di averlo preso dalla famiglia o quando ero fuori a fare shopping.”

Vi ricordiamo che Roberts attualmente ha 66 anni e a maggio 2022 ne farà 67 e nonostante sia ancora abbastanza in forma da lavorare in una compagnia di wrestling, sicuramente per i problemi di salute e tutto il resto, è anche giusto che rimanga più al sicuro possibile. Ovviamente noi gli auguriamo il meglio e speriamo di rivederlo presto in azione.

Inoltre dal 4 gennaio 2022, lui e il suo amico di vecchia data Diamond Dallas Page, lanceranno un nuovo podcast che farà parte del Conrad Thompson network dei podcast, dove Conrad Thompson vi ricordiamo essere marito della figlia più grande di Ric Flair. "Io e Jake abbiamo così tanti anni insieme e ricordi e storie, e pensiamo che le persone stiano per scoprire molte cose su questo," DDP ha detto a Justin Barrasso di Sports Illustrated. "Ora, inizialmente, non volevo fare un podcast. Ce ne sono così tanti là fuori. Poi Jake mi ha detto 'So che non ne farai uno, ma fanne uno con me.' Ho detto che l'avrei fatto a una condizione, e questo se avessimo avuto Conrad Thompson. Ha costruito qualcosa di speciale, e lo rispetto davvero. Quindi visto che Connie è dentro, lo faremo."