Miro parla di ciò che non sopporta in questo periodo



by   |  LETTURE 1120

Miro parla di ciò che non sopporta in questo periodo

Come ospite di The Zaslow Show, la superstar della AEW Miro, conosciuta anche come Rusev in WWE, ha parlato della federazione di Tony Khan e di altre Superstar come CM Punk e Bryan Danielson.

Miro: "La AEW è la migliore compagnia di wrestling al mondo"

Su quello che più gli da fastidio in questo periodo nel mondo del wrestling: "CM Punk, Bryan Danielson, io, Moxley, nessuno di noi è un ragazzo della WWE come dicono tutti.

Tutti noi siamo stati in giro per tutto il mondo prima di arrivare in quella federazione, quindi quando qualcuno dice che quel talento è un talento della WWE non è giusto. Dio ha creato me stesso, non un atleta in possesso di Vince McMahon.

Quello era solo un posto dove fare wrestling perché non c'erano altre opzioni, ma ora ci sono molte più opzioni importanti e questo è davvero soddisfacente" Sulla AEW: "E' attualmente la migliore compagnia di wrestling al mondo e lo dimostriamo giorno dopo giorno.

Per quanto riguarda i nostri giovani talenti, devono fare un passo avanti perché ci sono grandi nomi che stanno disputando anche match fantastici con un grande impatto ma devono farsi notare ancora di più per migliorare dove hanno bisogno di farlo.

Qua non ci sono guinzagli e sono contento di questo. Non c'è nessuno che ti dica cosa puoi e cosa non puoi fare. Sta a te affondare o nuotare con altre persone fantastiche come te. Ho avuto un inizio un po' difficile e da allora ho dovuto prendere il controllo di me stesso e del mio destino.

Tony Khan è un uomo d'affari molto intelligente, un capo eccezionale e si può dire che lo capisce perché lascia a tutti libertà di esprimersi al meglio. E per questo motivo che abbiamo così tanto successo"

Sul match perso contro Bryan Danielson a Full Gear, Miro ha concluso: "Sicuramente se fossi stato in piena salute avrei distrutto Byan Danielson in circa otto minuti. Purtroppo non lo ero e ho dovuto fare ciò che potevo per tutto il match, altrimenti avrei vinto al 100%"