Dutch Mantell: "CM Punk potrebbe essere utilizzato meglio da AEW"



by   |  LETTURE 863

Dutch Mantell: "CM Punk potrebbe essere utilizzato meglio da AEW"

Il 20 agosto scorso, a sette anni dal suo addio alla WWE, CM Punk ha fatto il suo clamoroso ritorno nel mondo del wrestling apparendo in All Elite Wrestling. Durante la seconda puntata di ‘Rampage’, che si è tenuta nella ‘sua’ Chicago, l’ex campione del mondo WWE si è reso autore di un bellissimo promo che ha mandato i fan in visibilio.

Punk ha sfidato Darby Allin per ‘All Out’, match che lo ha poi visto vincitore senza troppe difficoltà. Nel corso dell’ultima edizione di ‘Smack Talk’ su Sportskeeda, l’ex manager della WWE Dutch Mantell ha spiegato come la All Elite Wrestling abbia commesso un errore decidendo di affidare a Punk l’apertura di ‘Rampage’.

Dopo l’estasi iniziale, il livello di energia del pubblico è diminuito man mano che lo spettacolo andava avanti.

Dutch Mantell parla di CM Punk

“Mi è piaciuto l’atteggiamento di CM Punk, è felice di potersi rimettere in gioco nel business che lo ha reso celebre in tutto il mondo” – ha esordito Mantell.

“Non so se si stata la scelta giusta fargli aprire lo show, si poteva pensare ad una soluzione differente. Se fosse entrato in scena più avanti nel corso della serata, avrebbe mantenuto alta la concentrazione della gente per un lasso di tempo più lungo.

Non so se ve ne siete resi conto, ma pian piano la folla ha iniziato a perdere intensità e il livello di energia si è abbassato notevolmente. Non ho sotto mano i ratings, magari le cose sono andate diversamente da come io immagino” – ha aggiunto.

Dopo il suo primo ritiro dal wrestling nel 2014, Punk ha tentato una breve e disastrosa avventura in UFC. Il suo primo attesissimo incontro ha avuto luogo il 10 settembre 2016, ma è stato clamorosamente sconfitto da Mickey Gall al primo round per sottomissione.

Il 9 giugno 2018, ha perso anche il suo secondo e ultimo match contro Mike Jackson al terzo round per decisione unanime. Il giorno successivo, Dana White ha annunciato che Brooks (il suo vero nome) non avrebbe più lottato in UFC.