Andrade El Idolo scagiona la AEW per la sua sconfitta a TripleMania XXIX



by   |  LETTURE 1139

Andrade El Idolo scagiona la AEW per la sua sconfitta a TripleMania XXIX

Una delle sfide più attese dell’estate, quella tra Andrade El Idolo e il campione della AAA Kenny Omega, è stata apprezzata per tantissimi motivi, ma anche criticata soprattutto per il finale che ha avuto. Infatti tutti i fans nel mondo si aspettavano di vedere il luchador vincitore, ma così non è stato, perché Omega ha mantenuto la cintura grazie ad una mossa scorretta che gli ha permesso poi di applicare la sua finisher e portarsi a casa il match.

Il buon, si fa per dire, Dave Meltzer, che ne indovina poche, ci aveva fatto sapere che in realtà il match doveva vincerlo proprio l’idolo di casa, ma che la AEW si è messa in mezzo: “La storia era che Andrade avrebbe vinto e la AEW ha il controllo delle cose di Kenny, devono approvare tutto. Hanno chiesto all'AAA di rimandare, perché non credo volessero che Kenny lavorasse venerdì e sabato sera, quindi l'AAA lavora con loro, quindi Kenny ha vinto, ecco cos'è successo.”

Arriva la smentita di Andrade

L’atleta messicano, che ormai litiga con Dave Meltzer un giorno si e l’altro pure, ha voluto far sapere, con una sola parola, neanche sprecando troppo il fiato e il suo tempo a digitare sulla tastiera, che è tutto falso. Infatti poche ore fa ha condiviso un post della notizia nelle sue storie di Instagram scrivendo in grande e in nero, in modo che si potesse leggere molto bene: “Mentira/Lie” traducibile con “Bugia” per entrambe le lingue.

Quindi ancora una volta il giornalista, che da anni è nel mondo del wrestling e sembra aver sempre la ragione in tasca, pare abbia sbagliato tutto, con Kenny Omega che da subito avrebbe dovuto mantenere il titolo senza alcun tipo di interferenza da parte della AEW a cambiare le carte in tavola. 

Proprio nella giornata di ieri sempre Andrade ha voluto rispondere a Dave Meltzer che lo ha criticato per il suo match a TripleMania dicendo che non si è impegnato abbastanza.