La AEW sarebbe responsabile per la sconfitta di Andrade a TripleMania XXIX



by   |  LETTURE 1761

La AEW sarebbe responsabile per la sconfitta di Andrade a TripleMania XXIX

Ieri vi abbiamo raccontato del match tra il campione Kenny Omega e il suo sfidante Andrade che è avvenuto a TripleMania XXIX, proprio per la cintura AAA Mega Championship. Purtroppo, nonostante giocasse in casa, Andrade è stato sconfitto in modo scorretto dal campione che ha mantenuto una delle sue tante cinture, a differenza di quella di IMPACT che ha perso la sera prima contro Christian Cage a AEW Rampage.

A quanto pare però i piani per il match in AAA erano ben diversi, con la compagnia principale di Kenny Omega e Andrade che si è messa in mezzo cambiando le carte in tavola di un match che sembrava già scritto, lasciando moltissimi fans con un sapore amaro in bocca.

Andrade doveva essere campione

Secondo quanto riportato da Dave Meltzer nella sua Wrestling Observer Radio, Kenny Omega avrebbe dovuto perdere il titolo AAA Mega Championship esattamente come quello di IMPACT. Però a mettersi in mezzo ci sarebbe stata la AEW che controlla Kenny Omega al di fuori della compagnia a livello di booking e quindi avrebbe chiesto alla AAA di non fargli perdere la cintura a seguito della sconfitta del giorno prima. 

Queste sono le parole pronunciate da Dave Meltzer: "La storia era che Andrade avrebbe vinto e la AEW ha il controllo delle cose di Kenny, devono approvare tutto. Hanno chiesto all'AAA di rimandare, perché non credo volessero che Kenny lavorasse venerdì e sabato sera, quindi l'AAA lavora con loro, quindi Kenny ha vinto, ecco cos'è successo.”

Per fortuna comunque Andrade è stato protetto in qualche modo con un finale particolare e si è potuto vantare della presenza di uno dei più grandi lottatori mai esistiti al mondo, Ric Flair, che era al suo angolino per supportarlo e tifare per il futuro marito di sua figlia.

Ora non ci resta che aspettare per vedere quando e contro chi Omega perderà la cintura, mentre il messicano sarà impegnato in AEW contro il Death Triangle in una rivalità che si prospetta molto interessante e che potrebbe rilanciare la sua carriera rimasta ferma per qualche mese in WWE.