NWA: Mickie James si occuperà di un ppv tutto al femminile



by   |  LETTURE 1028

NWA: Mickie James si occuperà di un ppv tutto al femminile

Ormai si parla di Mickie James da aprile, da quando la veterana del wrestling femminile, è stata licenziata dalla WWE con non pochi scandali, tra oggetti restituiti nel sacchetto della spazzatura e ottime idee per la divisione femminile bocciate.

Per fortuna però un’altra compagnia di wrestling, quella dove lotta anche il marito Nick Aldis, ha deciso di aprirle le porte permettendole di lavorare alle proprie idee con una divisione femminile in crescita che ora ha come campionessa Kamille.

Billy Corgan infatti ha preso la palla al balzo per la sua National Wrestling Alliance e ha deciso di fare l’opposto di quello che è stato fatto in WWE.

Mickie James approda in NWA e organizza un ppv tutto al femminile

La scorsa notte, durante NWA POWERR, Billy Corgan, proprietario della compagnia, ha annunciato che il 28 agosto a St.

Louis, Missouri, ci sarà il primo ppv tutto al femminile targato NWA, che porterà il nome di “NWA EMPOWERRR” e verrà trasmesso da FITE TV. Accanto a Billy però c’era anche Mickie James che ora ufficialmente lavora per la NWA e non solo, infatti sarà il produttore esecutivo di questo ppv.

Qui di seguito le sue parole durante l’annuncio: “Grazie Billy per aver avuto fiducia in me. Questo è quello che volevo fare da molto molto tempo e sono stata tagliata fuori da ogni opportunità e tu mi hai dato l’opportunità di fare la differenza.

[…] ora abbiamo l’opportunità di dimostrare che non solo il wrestling femminile produce guadagno, ma merita di essere al top come il wrestling maschile ogni singola notte”. E poi aggiunge qualche frecciatina alla WWE: “Sono qui per dimostrare perché il wrestling femminile conta: non è solo un hashtag, non è solo accaparrarsi del denaro.

Questo è reale e io voglio il meglio del meglio delle donne. Non importa da dove vieni, se hai un contratto altrove, voglio il top del top”. Il discorso di Mickie poi si conclude rivolgendosi a chi ancora non ha avuto la possibilità di brillare sul quadrato lasciando aperte molte ipotesi che potrebbero vedere atlete venire da varie parti del mondo e federazioni per sfidarsi.