Eric Bischoff: "Ecco cosa dico ai fan che vogliono il crossover tra WWE e AEW"



by   |  LETTURE 1407

Eric Bischoff: "Ecco cosa dico ai fan che vogliono il crossover tra WWE e AEW"

La guerra più famosa del mercoledì sera della storia del pro-wrestling è decisamente quella avuta per più di un anno tra la WWE ed il suo NXT e la AEW, con il suo Dynamite. Fino a qualche settimana fa, infatti, i due prodotti delle compagnie rivali si erano andati a scontrare sui palinsesti della prima serata del mercoledì, con Dynamite che per il 90% delle serate è sempre andato a battere NXT a suon di ratings.

In tutto ciò, i fan hanno sempre auspicato il fatto che tale guerra potesse portare novità e cambiamenti interessanti, settimana dopo settimana, ma alla fine la WWE, per colpa anche dei nuovi accordi con USA Network, ha pensato bene di spostare NXT al martedì, guadagnando una fetta non troppo grande di pubblico, ma allo stesso tempo lasciando anche campo libero agli avversari.

Eric Bischoff torna a parlare della Wednesday Night War

Nella sua ultima intervista, il famosissimo manager e dirigente del mondo del pro-wrestling, visto ultimamente sia sui ring della AEW che su quelli della WWE, essendo stato inserito nella Hall of Fame poco prima di Wrestlemania 37, Eric Bishoff, ha voluto dire la sua sul tanto discusso crossover che i fan vorrebbero tra le due compagnie più famose d'America.
Ai microfoni di Foundation Radio, Bischoff ha infatti affermato:

"So che tutti quanti vogliono parlare della famosa guerra del mercoledì sera, facendo comparazioni tra AEW e WWE e qui c'è una strada, che è l'unica percorribile per rendere tutto questo fattibile, nell'approccio tra AEW e WWE, la AEW deve andare testa a testa con loro.

Ci deve essere una battaglia. Ci deve essere una lotta. Se vi state chiedendo in merito ad un match AEW vs WWE, un champion vs champion, okay, la cosa suona veramente grandiosa solo se siete il cosplay di un giornalista di wrestling ed un fan di queste persone.

Ma funziona solo se c'è una posta in gioco. E l'unica posta in gioco è per chi acquisirebbe il pubblico di telespettatori più vasto" .