Kenny Omega: "Una collaborazione AEW-WWE? Vi dico cosa ne penso"



by   |  LETTURE 1398

Kenny Omega: "Una collaborazione AEW-WWE? Vi dico cosa ne penso"

Kenny Omega è attualmente il vicepresidente esecutivo della All Elite Wrestling, oltre ad essere riconosciuto come uno dei performer più abili nell’era moderna di questo business. L’ex stella della NJPW detiene infatti il titolo di campione del mondo AEW e può vantare un’esperienza di 20 anni nel settore del wrestling professionistico.

Il suo nome è legato soprattutto alla sua lunga permanenza in Giappone, dove era diventato il leader del famigerato Bullet Club. Nel corso di una recente intervista ad Alex McCarthy per talkSPORT, Omega ha commentato le recenti parole di Triple H, secondo cui la WWE sarebbe aperta a collaborare con altre federazioni nei prossimi anni.

Kenny ritiene che il ‘Cerebral Assassin’ sia sincero quando dice che la compagnia di Vince McMahon abbia mutato il suo approccio rispetto al passato.

Omega: "Triple H è uno dei pochi di cui ci si può fidare"

“Credo che Triple H sia uno dei pochi atleti vecchio stampo, uno di quelli di cui ci si può ancora fidare.

Basta vedere il contribuito che ha offerto per la crescita di NXT negli ultimi anni e come gestisce gli affari per conto della WWE. Penso che lo faccia davvero per il bene dei fan. Quando dice che la WWE è aperta a fare affari con altre compagnie, ritengo che sia sincero” – ha dichiarato.

Nel 2005, Omega fu invitato per una settimana di prova con la WWE. A ‘The Cleaner’ fu chiesto di recarsi al Deep South Wrestling, che all’epoca era il territorio di sviluppo della federazione di Stamford. Soli dieci mesi dopo aver firmato il suo primo contratto, Kenny pretese tuttavia il rilascio anticipato senza mai più mettere piede in WWE.

Negli anni successivi, Vince McMahon ha tentato senza successo di riportarlo indietro, ma non è detto che il futuro non regali colpi di scena in tal senso. Il 2 dicembre 2020, Omega ha sconfitto Jon Moxley a ‘Winter is Coming’ ponendo fine alla sua striscia di imbattibilità e sottraendogli l’AEW World Championship.