Brutto colpo per Sting in AEW: paura e sconcerto dei fan



by   |  LETTURE 5978

Brutto colpo per Sting in AEW: paura e sconcerto dei fan

Paura e apprensione per Sting in AEW. Durante la puntata di Dynamite di ieri sera, l'icona della WCW è stato coinvolto fisicamente in quello che, a tutti gli effetti, rappresenta il suo primo bump dopo ben sei anni di inattività.

Sting è stato infatti messo al tappeto da una violenta powerbomb da parte di Brian Cage. Una manovra che ha lasciato i fan attoniti, considerando come alla veneranda età di 61 anni abbia deciso di prendersi questo rischio.

Fortunatamente l'Hall of Famer non ha riportato alcuna problematica fisica ed è dunque pronto al suo debutto sul ring della AEW, che avverrà in occasione di Revolution domenica 7 marzo. Assieme all'attuale TNT Champion Darby Allin affronterà proprio Brian Cage e Ricky Starks in uno Street Figh Tag Team Match.

Su quanto è accaduto è intervenuto anche il commentatore Tony Shiavone nel corso dell'AEW Dynamite Post Show: "Sting ha accettato di subire quella mossa perchè pensa che sia una cosa giusta per il business e perchè vuole dimostrare al mondo intero di essere ancora in grado di lottare.

Anch'io sono rimasto shockato dell'accaduto, ma sapete come sia fatto Sting".

Brutto colpo per Sting in AEW

L'ultimo coinvolgimento fisico di Sting risale a Night of Champions 2015 quando, nel main event valevole per il WWE World Heavyweight Championship, fu sconfitto da Seth Rollins.

Un incontro abbastanza sfortunato che gli causò un grave infortunio al collo e costrinse lo staff medico della Compagnia a vietarli di tornare sul ring. Nel corso degli ultimi anni Sting aveva più volte affermato di essersi ripreso e di aver addirittura proposto a Vince McMahon un match contro The Undertaker, ma la sua idea venne rigettata sul nascere.

Per sua fortuna Tony Khan ha ben accolto il desiderio di esibirsi nuovamente sul ring, decidendo di accoglierlo tra le fila del roster della AEW. Il suo debutto a Dynamite è stato uno dei tanti momenti shock di fine 2020 e ha aiutato Dynamite nella guerra degli ascolti contro NXT.

Anche la linea di merchandising a lui dedicata è stata la più venduta in sole 24 ore dal suo approdo in AEW, segno che una leggenda come Sting a 61 anni può ancora dire la sua.