La vecchia ECW sarebbe dovuta diventare un reality show prima della sua chiusura?



by   |  LETTURE 1161

La vecchia ECW sarebbe dovuta diventare un reality show prima della sua chiusura?

Una delle federazioni più famose degli anni '90, insieme a WWF e WCW, è stata sicuramente anche la ECW, compagnia di wrestling estremo che è salita alle luci dela ribalta proprio grazie alla tipologia di match che gli atleti di Paul Heyman portavano in scena a quel tempo.

La Extreme Championship Wrestling, dopo essere stata chiusa definitivamente nel 2001, è però tornata in vita sottoforma di nuovo roster sui teleschermi della WWE, che alla fine aveva acquisito tutti i diritti della vecchia federazione, con Paul Heyman che è stato proprio uno dei principali artefici della rinascita del nuovo roster in WWE, che ha visto tra le tante cose anche la nascita di CM Punk come main eventer della compagnia dei McMahon.

La ECW per venire salvata doveva diventare un reality?

Nella primissima puntata della trasmissione "That Was Extreme", andata in onda sul sito AdFreeShows, The Blue Meanie, Joel Gertner e Josh Shernoff, hanno chiacchierato sulla leggenda metropolitana che vedeva diverse ipotesi provate dalla dirigenza della ECW per evitarne la chiusura, con una di esse che a quanto pare era invece reale e non solo una chiacchiera da bar.
Durante la lunga chiacchierata, il commentatore e annunciatore della vecchia ECW, Joel Gertner, ha infatti rivelato che:

"Verso la fine, ci sono state un sacco di persone che hanno tentato di salvare la compagnia, in molti ancora raccontano delle leggende metropolitane, ma alcuni di noi hanno sentito con le proprie orecchie che la ECW sarebbe potuta diventare un reality show, per essere salvata dalla fine, come lo sono adesso programmi tipo Miz & Mrs o Total Divas o Total Bellas, con la ECW che sarebbe però diventata la metà di quello che era, con solo pochissimi episodi che andavano a vedere cosa succedeva sul ring e lo show che poi avrebbe ripreso solo il resto.

In pratica si sarebbe parlato solo di quello che succedeva tra uno show e l'altro, nei vari viaggi che dividevano il tutto e di come era pazzesca la vita di chi lavorava nel Wrestling Estremo di quegli anni. Penso che la motivazione che aveva spinto qualcuno ad interessarsi ad un reality show sulla ECW era da ricercarsi in quello che era realmente la compagnia, quella che era la nostra troupe ed il nostro roster, perchè eravamo veramente come una grande famiglia ed il nostro rapporto era qualcosa che poteva essere trasmesso in televisione e che poteva quindi intrattenere per la semplicità ed il divertimento che traspariva dalle nostre semplici azioni quotidiane.

In pratica avrebbero visto tutti come stavamo bene tra un viaggio e l'altro, mentre aspettavamo di salire sul ring per ucciderci a vicenda" .