La WWE molla la presa: il nome di Cody Rhodes non è più un marchio registrato



by   |  LETTURE 1639

La WWE molla la presa: il nome di Cody Rhodes non è più un marchio registrato

Dopo mesi di guerra fredda, sembra che Cody Rhodes, o meglio Cody (come il talento della compagnia di pro-wrestling numero due in America poteva essere chiamato sui ring della AEW fino a poco fa), abbia vito il primo round contro la federazione dei McMahon, in quella che è stata una delle più grandi battaglie a suon di copyrights, trademark e diritti di immagine, di loghi e di nomi di grandi prodotti del mondo del pro-wrestling.

In un clima di totale incertezza per quello che sarà il futuro della disciplina in questo 2020 veramente assurdo per il mondo intero a causa della pandemia che ha stravolto le abitudini di tutta la popolazione mondiale, Cody Rhodes ha vinto la possibilità di riutilizzare il suo nome d'arte, che la WWE aveva tenuto bloccato con dei diritti acquisiti anni fa, che non consentivano così al TNT Champion di poter utilizzare tale pseudonimo al di fuori dei ring della compagnia dei McMahon.

Cody Rhodes vince la prima battaglia dopo mesi contro la WWE

Dopo aver cercato diversi stratagemmi per non perdere il proprio nome d'arte sui ring della AEW, con Cody che veniva infatti annunciato molto spesso insieme alla moglie con la formula "Cody e Brandi Rhodes", con la compagnia che deteneva solo i diritti del nome Brandi Rhodes e non quelli del cognome di Cody, adesso la WWE sembrerebbe aver rinunciato del tutto a fare la guerra al suo ex pupillo.
Secondo quanto riportato nelle scorse ore dal noto sito d'oltreoceano Heel By Nature, il quale aveva già diverse settimane fa riportato la battaglia di Cody e della WWE tra avvocati e giudici per la paternità di alcuni nomi di eventi di pro-wrestling della WCW creati grazie all'apporto fondamentale di Dusty Rhodes, che poi sono diventati di proprietà della WWE con l'acquisizione della compagnia dei Turner, la WWE avrebbe adesso rinunciato del tutto ai diritti sul nome "Cody Rhodes"

Il giorno 2 di Novembre, infatti, la compagnia dei McMahon avrebbe avviato le pratiche per la rinuncia dei diritti sul nome del campione TNT della AEW, con Cody che potrà quindi tornare a chiamarsi con nome e cognome anche sulle scene della compagnia di Tony Khan e non solo nei vecchi match trasmessi sul WWE Network.
Sebbene la WWE abbia mollato la guerra sul suo nome, Cody Rhodes non riceverà comunque nient'altro dai McMahon, visto che tutti i nomi dei ppv della defunta WCW che il figlio di Dusty voleva portare in AEW sono ancora blindati dalla compagnia di Stamford, come: War Games, Bash at the Beach e The Match Beyond.