Lutto nel mondo del wrestling: muore a 59 anni l'ex wrestler Johnny Meadows



by   |  LETTURE 1470

Lutto nel mondo del wrestling: muore a 59 anni l'ex wrestler Johnny Meadows

Il 2020 è un'annata particolarmente difficile per tutti noi. Fin dagli inizi siamo stati costretti a convivere con questo maledetto virus ed in generale con una Pandemia che ha colpito tutto il mondo e ha costretto a fermare diversi business, non ultimo quello del wrestling.

Anche la WWE è rimasta colpita negli ultimi mesi, ha dovuto realizzare show senza l'ausilio del pubblico e negli ultimi mesi , in particolare nello scorso Aprile, ha dovuto licenziare una parte dei suoi dipendenti.

La situazione nel mondo del wrestling, nonostante le gravi difficoltà soprattutto negli Stati Uniti, è leggermente migliorata ma ogni giorno arrivano notizie che non vorremmo mai ricevere e sicuramente non vorremmo mai comunicare.

Un nuovo lutto nel mondo del wrestling

All'età di 59 anni è venuto a mancare a causa di questo maledetto virus che da mesi sta colpendo milioni di persone l'ex wrestler della WCW Johnny Meadows. Conosciuto sul ring anche come The Paradise City Rocker, Meadows ha visto i propri inizi sul ring verso la fine del 1978 ed ha avuto una discreta carriera sul ring per quasi 40 anni.

La sua principale esperienza è stata in WCW ma ha disputato diversi incontri anche in federazioni indipendenti tra le quali spicca la NWA. In carriera tra i match di singolo che spiccano in WCW c'è lo scontro con la leggenda del wrestling Ric Flair, incontro che alla fine vide trionfare quest'ultimo.

Ennesima brutta notizia legata a questo maledetto virus con una situazione che da mesi fatica a cambiare e che soprattutto negli Stati Uniti sembra amplificarsi giorno dopo giorno. Questo è un periodo dove il wrestling e non solo risentono di questa Pandemia e dove diverse nazioni europee sono costrette a vivere in quarantena ed isolate dagli altri paesi.

Il panico e la paura per il contagio da Coronavirus è ormai sbarcato anche negli Stati Uniti dove lo stesso presidente degli Stati Uniti Donald Trump e i vari governatori che compongono gli States, hanno preso seri provvedimenti per provare a contrastare il dilagare di questa pandemia mondiale.

Abbiamo visto il basket, il calcio ed il football americano in difficoltà e si spera che questa situazione termini il prima possibile.