Chris Jericho: "Ci sono tre incontri che mi sono rimasti impressi nella memoria"



by   |  LETTURE 1617

Chris Jericho: "Ci sono tre incontri che mi sono rimasti impressi nella memoria"

Sono stati innumerevoli i riconoscimenti attribuiti nel recente periodo a Chris Jericho, che ha da poco festeggiato i 30 anni di carriera nel wrestling. Y2J ha rilasciato un gran numero di interviste negli ultimi giorni, ripercorrendo tutte le varie tappe della sua gloriosa avventura in questo business, compresa la decisione di abbandonare la WWE per passare ad AEW.

Durante lo scorso episodio di Busted Open Radio, la superstar canadese ha selezionato i suoi migliori incontri da professionista, evidenziando una memoria incredibile e un’altrettanto sorprendente attenzione ai dettagli.

Jericho: "Ecco i migliori match della mia carriera"

“È davvero complicato scegliere il tuo match preferito, ce ne sono troppi. Prima dicevo sempre quello contro Shawn Michaels per il titolo WWE a Portland nel 2008.

Non è stato solo un grandissimo match, ma anche il culmine di una faida di sette mesi che ha assunto connotati epici. All’inizio sarebbe dovuta durare un solo mese, ma poi ci siamo convinti a svilupparla per un lasso di tempo più ampio.

Se lavorassi ancora in WWE, suggerirei di farne uno speciale da mettere sul Network, perché rappresenta ancora un ottimo esempio di come si costruisce una bella storia” – ha raccontato Jericho. “Mi viene in mente poi la sfida con Kenny Omega al Tokyo Dome, la mia prima lontano dalla WWE dopo quasi 20 anni.

Fondamentalmente è lì che si è accesa la scintilla con AEW, è stata una fantastica occasione. Ci sono tanti altri incontri che potrei menzionare, come quello con Ultimo Dragon nel 1995, che ha fatto conoscere il mio talento in ECW e WCW” – ha aggiunto.

Chris è tornato sulla sua scelta di lasciare la WWE: “Nel 2017, io e Kevin Owens siamo stati protagonisti di una delle migliori rivalità. A WrestleMania quell’anno, il nostro match non ha ricevuto la giusta collocazione nella card.

È stato sprecato il nostro lavoro e ho deciso di andare in Giappone per qualche tempo. Proprio quando stavo per lasciare il wrestling, ho avuto la fortuna di incontrare Don Callis e Kenny Omega”.