30 anni di Chris Jericho: i messaggi di auguri di celebrità e stelle della NJPW



by   |  LETTURE 1272

30 anni di Chris Jericho: i messaggi di auguri di celebrità e stelle della NJPW

Dal 1990 a oggi, Chris Jericho si è affermato come uno dei lottatori più grandi di sempre, riuscendo a reinventare il suo personaggio numerose volte. Dal Messico al Giappone, passando per la ECW e WCW, fino ad arrivare alla WWE e e per ultima la AEW.

Ed è stato proprio alla corte di Tony Khan, nello specifico durante l'ultima puntata di Dynamite, che il lottatore canadese ha celebrato il grande traguardo di ben trent'anni di onorata carriera nel mondo del wrestling.

A congratularsi con lui sono stati davvero in tanti. Da Gene Simmons a Shaquille O'Neal, da Dennis Miller a Slash, fino ad arrivare a Diamond Dallas Page, Greg "The Hammer" Valentine e Don Callis di Impact Wrestling (una delle poche federazioni in cui non ha militato).

Chris Jericho ha celebrato trent'anni di carriera

Il messaggio di auguri più inaspettato, però, è stato senza ombra di dubbio quello di Hiroshi Tanahashi, grandissima stella della New Japan Pro Wrestling con cui ha avuto un match a Wrestle Kingdom 14, a gennaio.

Un video che ha stuzzicato nuovamente le fantasie dei fan, desiderosi di vedere una partnership tra la All Elite Wrestling e la federazione nipponica. Di una possibile collaborazione se ne era parlato anche in passato, ma i piani non si sono mai concretizzati.

Con la nomina di un nuovo presidente, però, adesso tutto diventa possibile.

Ovviamente la WWE non si è sbilanciata nel fargli alcun messaggio di auguri, data la sua sitazione contrattuale, ma in varie interviste Jericho ha voluto sottolineare come sia ancora in conttato con diverse stelle della sua ex Compagnia e di parlare di tanto in tanto anche con il boss Vince McMahon.

Sempre di recente, inoltre, il "Demo God" ha svelato alcuni retroscena legati al suo match con Fandango a WrestleMania 29, spiegando come inizialmente avesse pensato si trattasse di una ripicca da parte di Vince nei suoi confronti.

Senza dubbio una carriera da vero Hall of Famer, ma l'ex Y2J si è dimostrato più volte scettico sulla sua introduzione.