Matt Cardona e la nascita della AEW: ispirata da un suo progetto del passato?



by   |  LETTURE 1652

Matt Cardona e la nascita della AEW: ispirata da un suo progetto del passato?

Matt Cardona è stato recentemente intervistato da 'The Wrestling Inc. Daily' su vari argomenti, come il suo podcast assieme a Bryan Myers, e ha anche discusso ampiamente di WWE e AEW.  Ecco le parole di colui che nella federazione di Stamford era conosciuto come Zack Ryder: 

Sul fatto che il suo web-show 'Z! True Long Island Story' sia stato di ispirazione a 'Being The Élite', curato dagli Young Bucks, e che ha avuto molto successo:

"Penso che il loro show sia fantastico, oramai ha preso il volo. Non sono stato il primo ad avere uno show su un sito web, anche altre persone lo hanno avuto. Ho mischiato aspetti della mia vita con quella del mio personaggio nel wrestling, dimostrando come i social media possano portare avanti la tua carriera. Anche se la compagnia non ti vuole o non ti vuole in un certo modo, può sempre forzarli come ho fatto io. 'Being The Élite' è molto più grande di quanto 'Z! True Long Island Story' sia mai stato. 'Being The Élite' è poi diventato la AEW. È così folle pensare cio che BTE abbia fatto, e ciò che continua ad essere". 

I conduttori del podcast hanno scherzato sul fatto che il podcast creato con Bryan Myers (conosciuto come Curt Hawkins in WWE) chiamato 'The Major Wrestling Figures' possa trasformarsi in una compagnia di wrestling, come avvenuto per BTE con la AEW: 

"Non ne ho idea (ride). L'unico lavoro di promoter che faccio è durante il Figure Wrestling Federation ogni mercoledì, uno spin-off di The Major Wrestling Figures. Se volete potete vedere me e Bryan Myers reinterpretare l'Attitude Era con le action figures". 

Matt Cardona e il possibile ritorno dell'Internet Title

Sulla possibile ricomparsa dell'Internet Title: 

"Questo è il mio nuovo me, sono sempre pronto, ora. Quando sarò il momento di aprire uno store su Pro Wrestling Tees avrò bisogno del nuovo Internet Title. Giusto per sicurezza. Questo è tutto, davvero. Lo tengo come opzione per il futuro. Ho già tante cose da vendere riguardo al titolo, come giocattoli o maglie su cui stiamo lavorando. Se dovessi mai difenderlo lo avrei dietro con me". 

Ha poi parlato dell'emergenza Covid-19, dicendo che non ha accettato nessun booking da federazioni indipendenti motivando la sua scelta: 

"Prenderò parte a diversi show indipendenti, magari difenderò l'internet Title e poi caricherò il video del match sul mio canale Youtube. Però, per come stanno le cose nel mondo, e come stanno le cose in questo business, non prenderò nessun booking nelle federazioni indipendenti. Credo che la mia scelta sia comprensibile: non vorrei mai che uno show venisse cancellato, o che qualcuno comprasse il biglietto convinto di vedermi, ma poi possa trovarsi di colpo lo show cancellato. E poi in questo momento non è sicuro organizzare show indipendenti".