Chris Jericho spiega perché Orange Cassidy è "imbarazzante" per il Pro Wrestling



by   |  LETTURE 4652

Chris Jericho spiega perché Orange Cassidy è "imbarazzante" per il Pro Wrestling

C'è tanta attesa in AEW per l'incontro in programma il prossimo 8 Luglio a Fyter Fest tra Chris Jericho e Orange Cassidy. I due si sono scontrati nell'ultimo episodio di AEW Dynamite e continua l'attesa per questo grande scontro, che vedrà il wrestler canadese come autentico protagonista.

Durante l'episodio di Dynamite, Jericho non si è trattenuto verbalmente ed ha insultato pesantemente l'avversario: secondo l'atleta di Winnipeg, Orange Cassidy è difatti un personaggio stupido e noioso e per questo motivo lui è imbarazzante per l'intero mondo del pro Wrestling.

The Painmaker ha infine continuato affermando che sul ring può distruggere il suo avversario in 30 secondi. Successivamente è partita la rissa, ecco i video. Qui lo scontro verbale tra i due:

Le ultime di Chris Jericho e la WWE

Recentemente Chris Jericho ha risposto, durante una sessione di domande su Facebook, al quesito riguardante un suo possibile rientro in WWE.

A riguardo il wrestler canadese ha commentato così la vicenda: "A - Non posso, sono ancora sotto contratto per un po' di tempo con l'AEW" "B - Non penso che sarei mai inserito in uno show di una notte sola, una semplice comparsata, specialmente in WWE.

Spero di essere qui con la compagnia AEW per ancora molto, molto e molto tempo. Quindi spero di aver chiarito il mio pensiero e che questo abbia risposto alla vostra domanda" Il wrestler ha chiarito quindi che è davvero molto difficile un suo ritorno, complice anche il suo contratto e il rapporto tra le due compagnie che sono pur sempre rivali nel mercato del pro Wrestling mondiale.

Nonostante Jericho abbia fatto il "salto della barricata" in compagnia rivale ed è considerato come un "nemico", il wrestler della All Elite Wrestling ha trovato il mondo di ringraziare l'ex storico collega The Undertaker, il quale solo qualche giorno fa ha annunciato il suo ritiro dal ring della compagnia di Stamford, mediante un grande discorso rilasciato nell'ultima puntata della docu-serie dedicata a lui, ovvero: The Last Ride.