I guai di Jon Moxley: non può viaggiare e perciò perde un titolo


by   |  LETTURE 2322
I guai di Jon Moxley: non può viaggiare e perciò perde un titolo

Lottare contemporaneamente negli Stati Uniti e in Giappone può presentare qualche piccolo problema, come ha scoperto a sue spese Jon Moxley. Il fu Dean Ambrose come sappiamo bene è divenuto uno dei volti da copertina della AEW, fresca di lancio del nuovo show settimanale del mercoledì sera AEW Dynamite.

Il wrestler di Cincinnati combatte però anche nella NJPW (in questo senso ripercorrendo le orme dell'eterno rivale sul ring Chris Jericho), e nella compagnia giapponese è IWGP United States Champion. Anzi, lo era.

In questi giorni come sappiamo il Giappone sta avendo importantissimi problemi meteorologici, dato che sul Paese del Sol Levante si è abbattuto Hagibis, il diciannovesimo tifone di questa accidentata stagione per il popolo nipponico.

Tale tifone non ha provocato problemi solo alla Formula 1 e al rugby, ma anche al wrestling: Jon Moxley, che si trovava in America, non ha infatti avuto modo di recarsi in Giappone per prendere regolarmente parte a un match in cui avrebbe dovuto mettere in palio il suo titolo.

Chiaro che la ragione era piuttosto importante, e soprattutto che l'atleta non aveva alcuna colpa nel disertare l'evento. Ma la NJPW ha deciso ugualmente di procedere per la sua strada: essendo il campione assente in un match in cui avrebbe dovuto difendere il suo titolo, il suo titolo è stato reso vacante.

E così non soltanto l'evento King of Pro Wrestling sarà regolarmente disputato, ma un nuovo campione degli Stati Uniti sarà eletto. E comunque vada non si tratterà di Jon Moxley, dato che la compagnia ha annunciato che i nuovi contendenti al titolo sono Lance Archer e Juice Robinson:


Una vera beffa per Moxley, a cui ora non resta che una cosa da scoprire: avrà una nuova occasione in futuro di riottenere la cintura che mai ha perso oppure quel treno è passato per sempre? La risposta, probabilmente, arriverà più in là nel tempo (AEW permettendo).